Mar 22 Ottobre 2019 — 14:42

Borsa italiana positiva nonostante i dazi, in luce Banco Bpm



Bene anche Mediobanca, rimbalzano Campari, Moncler, Tenaris. Lo spread migliora

Borsa italiana oggi ftse mib Milano news

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Piazza Affari termina oggi marginalmente positiva, nonostante i continui timori per la crescita mondiale e i dazi annunciati dagli Usa su una lista di prodotti europei. Sulla Borsa italiana il Ftse Mib segna in chiusura +0,06% a 21.311 punti, con il resto d’Europa contrastato (Francoforte è chiusa) e Wall Street in lieve rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 141 punti da 145 della chiusura precedente, con il rendimento del titolo italiano allo 0,82%.

Sul forex, l’euro scambia sopra quota 1,09 contro il dollaro; il petrolio è nuovamente in ribasso con il Brent a 57 dollari e il Wti a 52 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: riparte Banco Bpm, bene anche Mediobanca

Tornando agli indici di Borsa, a Milano sul Ftse Mib le azioni Banco Bpm +2,5% ancora nel mirino degli gli acquisti con le aspettative del mercato per una fusione con Ubi (+0,5%).

Più indietro fra le banche Unicredit -0,5% e Intesa Sanpaolo -0,1%, bene invece Mps +0,7%.

In evidenza anche Mediobanca +1,2% mentre secondo rumors di stampa Del Vecchio punterebbe a salire sopra il 10% dell’istituto di Piazzetta Cuccia.

Fra i titoli potenzialmente più esposti alla lista di dazi Usa, bene Campari +1,8%, Leonardo limita i danni a -0,4%.

Acquisti su Stm +0,7% dopo un report positivo di Morgan Stanley che alza fra l’altro il target price.

Nel lusso in luce Moncler +1,65%, con gli analisti di Ubs che confermano la raccomandazione buy pur limando il prezzo obiettivo da 41 a 40 euro.

Telecom abbozza un rimbalzo +0,5%. In fondo al listino Fca -1,4%.

Fra i petroliferi svetta Tenaris +1%, con Saipem a -0,35%, Eni a -1,1%.

Borsa italiana trimestrali 22-10-2019 — 02:29

Trimestrali entrano nel vivo su Borsa italiana con Saipem, Moncler, Stm, Eni, Mediobanca

Gli operatori si stanno posizionando anche alla luce di questi eventi e delle previsioni degli analisti sui conti del terzo trimestre 2019

continua la lettura