Mar 10 Dicembre 2019 — 15:34

Borsa italiana positiva nonostante i dazi, in luce Banco Bpm



Bene anche Mediobanca, rimbalzano Campari, Moncler, Tenaris. Lo spread migliora

Borsa milano oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Piazza Affari termina oggi marginalmente positiva, nonostante i continui timori per la crescita mondiale e i dazi annunciati dagli Usa su una lista di prodotti europei. Sulla Borsa italiana il Ftse Mib segna in chiusura +0,06% a 21.311 punti, con il resto d’Europa contrastato (Francoforte è chiusa) e Wall Street in lieve rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 141 punti da 145 della chiusura precedente, con il rendimento del titolo italiano allo 0,82%.

Sul forex, l’euro scambia sopra quota 1,09 contro il dollaro; il petrolio è nuovamente in ribasso con il Brent a 57 dollari e il Wti a 52 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: riparte Banco Bpm, bene anche Mediobanca

Tornando agli indici di Borsa, a Milano sul Ftse Mib le azioni Banco Bpm +2,5% ancora nel mirino degli gli acquisti con le aspettative del mercato per una fusione con Ubi (+0,5%).

Più indietro fra le banche Unicredit -0,5% e Intesa Sanpaolo -0,1%, bene invece Mps +0,7%.

In evidenza anche Mediobanca +1,2% mentre secondo rumors di stampa Del Vecchio punterebbe a salire sopra il 10% dell’istituto di Piazzetta Cuccia.

Fra i titoli potenzialmente più esposti alla lista di dazi Usa, bene Campari +1,8%, Leonardo limita i danni a -0,4%.

Acquisti su Stm +0,7% dopo un report positivo di Morgan Stanley che alza fra l’altro il target price.

Nel lusso in luce Moncler +1,65%, con gli analisti di Ubs che confermano la raccomandazione buy pur limando il prezzo obiettivo da 41 a 40 euro.

Telecom abbozza un rimbalzo +0,5%. In fondo al listino Fca -1,4%.

Fra i petroliferi svetta Tenaris +1%, con Saipem a -0,35%, Eni a -1,1%.

deutsche bank italia 10-12-2019 — 12:19

Deutsche Bank, la Bce lima i requisiti patrimoniali. Avanti con il piano

Intanto nel corso di un Investor Day la banca ha ribadito gli obiettivi di taglio dei costi, confermato anche il target di redditività ma pesano i tassi d’interesse

continua la lettura