Mar 18 Giugno 2019 — 09:47

Borsa Italiana (ore 13,30): Milano positiva con rimbalzo Saipem, Ubi e Stm



Piazza Affari scambia in cauto rialzo a metà seduta, in linea con il resto d’Europa nel giorno di una riunione Bce attesa come interlocutoria

borsa italiana ftse mib trading

La Borsa italiana scambia in cauto rialzo a metà seduta, in linea con il resto d’Europa nel giorno di una riunione Bce attesa come interlocutoria. A Milano il Ftse Mib segna alle ore 13,20 un +0,31% a 21.738 punti.

Sul forex, l’euro è poco mosso in area 1,1270 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno con il Brent a circa 71 dollari e il Wti a 64 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 241 punti da 243 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,40% da 2,42% (dati Bloomberg).

Borsa italiana: sul Ftse Mib in evidenza Saipem, Stm

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si registra il rimbalzo di Saipem +1,3% dopo il -4% di ieri.

Sempre fra i petroliferi, Eni +0,5% dopo che Hsbc ha confermato la raccomandazione buy pur limando il target price; bene anche le azioni Tenaris +0,8%.

Acquisti inoltre su Stm che avanza di oltre 1 punto percentuale.

Maglia nera del listino principale è Unipol con calo dell’1%.

Fra le banche, debole Mps -0,4% alla vigilia di un’assemblea ricca di spunti.

Bene Ubi in recupero di un +1,4%, Banco Bpm +0,7% alle prese con i preparativi di un nuovo bond subordinato. Positive anche Unicredit +0,5%, Intesa Sanpaolo +0,2%. In calo Bper -0,2%.

Nel comparto delle costruzioni Astaldi -2,6% soffre i rumors di un’azione legale per l’interruzione di una commessa in Canada, con Salini Impregilo a +0,4%.

Fra gli altri titoli, in recupero Prysmian +0,5%. Nella galassia Agnelli Fca, Ferrari ed Exor tutte sopra la parità, la Juventus si prepara alla partita di Champions con l’Ajax a +0,5%.

fca renault 17-06-2019 — 10:11

Fca, riaperte le trattative per la fusione con Renault?

Indiscrezioni su colloqui dell’ad Manley a Parigi. Sul tavolo la quota del governo francese e i rapporti con Nissan

continua la lettura