Dom 21 Luglio 2019 — 11:55

Borsa italiana (ore 13,30): bene Stm e Amplifon, il petrolio si infiamma



Piazza Affari scambia oggi nuovamente positiva a metà seduta, all’indomani delle indicazioni della Fed. Occhi puntati però sul Golfo persico, dove un drone Usa è stato abbattutto da un missile terra-aria

Borsa italiana Milano ftse mib news Ftse Mib

La Borsa italiana scambia oggi nuovamente positiva a metà seduta, all’indomani delle indicazioni della Fed che ha aperto a un prossimo taglio dei tassi Usa. Occhi puntati però sul Golfo persico, dove un drone Usa è stato abbattuto da un missile terra-aria in cieli internazionali sopra lo Stretto di Hormuz (Iran). A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 13,28 un +0,77% a 21.384 punti, in linea con il resto d’Europa. Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni migliora ancora e segna 234 punti.

Sul forex, l’euro è in recupero sopra quota 1,13 contro il dollaro; il petrolio vola dopo l’incidente nel Golfo con il Brent a 63 dollari e il Wti a 55 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: sul Ftse Mib in evidenza Stm e Amplifon

Tornando agli indici di Borsa, a Milano svetta anche oggi Stm, che continua il suo recupero con un rialzo intorno al 3%.

In evidenza inoltre una pattuglia di titoli sopra il 2% fra cui Amplifon e tra i finanziari le Poste Italiane.

Fca +1,3% su un possibile accordo tra Nissan e Renault che riaprirebbe la strada a una fusione, mentre Nomura riavvia la copertura con raccomandazione neutral.

Debole Generali sulla parità dopo il taglio del rating e del target di prezzo da parte di Jp Morgan.

Telecom +1,7% mentre Vivendi e fondo Elliott trattano per un rimpasto in cda di Tim.

I petroliferi cavalcano il balzo del greggio con Saipem +1,9%, Tenaris +1,8%, Eni +1,2%.

Banche miste con prese di beneficio su Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Unicredit in calo di meno di 1 punto percentuale, continua invece il rimbalzo di Mps +1,5%.

pirelli tronchetti provera 19-07-2019 — 11:05

Pirelli, Tronchetti Provera alla guida fino al 2023

Verso il rinnovo dei patti con ChemChina, sarebbe inoltre vicina l’attesa integrazione tra Prometeon e la cinese Aeolus nei pneumatici industriali

continua la lettura