Dom 21 Luglio 2019 — 11:56

Borsa italiana (ore 13): bene Atlantia e Tenaris, spread sotto quota 200



Per Piazza Affari nuovi guadagni a metà seduta all’indomani delle indicazioni della Fed, più indietro il resto d’Europa

borsa italiana ftse mib trading

La Borsa italiana scambia oggi nuovamente in rialzo a metà seduta, all’indomani delle indicazioni da “colomba” del presidente della Fed Powell, che fanno pensare a un possibile imminente taglio dei tassi Usa. A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 12,55 un +0,62% a 22.182 punti, in una seduta europea contrastata. Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni scende sotto quota 200 punti attestandosi in questo momento a circa 195 punti. Il Tesoro intanto ha collocato 3 miliardi di Btp a 3 anni con un tasso dimezzato allo 0,49% dall’1,05% di un mese fa e 2,5 miliardi di Btp a 7 anni con un rendimento sceso all’1,24% rispetto all’1,88% precedente.

Sul forex, l’euro recupera in area 1,1270 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno con il Brent a 67 dollari e il Wti a 60 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: sul Ftse Mib in evidenza Atlantia e Tenaris

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in luce Atlantia +2,95%, nel giorno del cda che dovrebbe aprire a una manifestazione d’interesse per Alitalia.

Fra i petroliferi in spolvero Tenaris +2,3%, nuovi acquisti su Saipem +1,3%, Eni +1,1%.

Denaro inoltre sulle utilities con Enel +1,2% dopo che gli analisti del Credit Suisse hanno alzato il target price sul titolo da 6,50 a 7 euro, confermando la raccomandazione outperform.

Poco mossa Telecom dopo che Moody’s ha tagliato l’outlook sul rating Ba1 di Tim a negativo.

Le banche frenano dopo il rally dei giorni scorsi, con le big Intesa Sanpaolo e Unicredit comunque sopra la parità, mentre Mps non si ferma: +2,5% beneficiando ancora del calo dello spread.

pirelli tronchetti provera 19-07-2019 — 11:05

Pirelli, Tronchetti Provera alla guida fino al 2023

Verso il rinnovo dei patti con ChemChina, sarebbe inoltre vicina l’attesa integrazione tra Prometeon e la cinese Aeolus nei pneumatici industriali

continua la lettura