Mer 08 Dicembre 2021 — 14:39

Borsa italiana oggi: Unicredit, Snam, Exor, Esprinet



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in rialzo (Ftse Mib +0,76% a 26.263 punti). La Borsa italiana è stata sostenuta da ricoperture su Leonardo e Nexi, approfittando anche del sentiment ottimista in vista della riunione Bce di giovedì prossimo.

Gli analisti prevedono un rallentamento degli acquisti del Pepp nel quarto trimestre, ma non ancora un vero e proprio tapering. Anche la Bce, come la Fed, potrebbe infatti prendere altro tempo per monitorare la ripresa e le eventuali minacce provenienti dal virus.

Intanto fra i dati odierni è in calendario l’indice Zew di settembre.

I future Usa questa mattina trattano in frazionale rialzo.

A Tokyo il Nikkei ha chiuso con un +0,86% a 29.916 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1870; il petrolio avanza con il Brent a 72 dollari e il Wti a 69 dollari al barile.

Wall Street, ieri in pausa per festività, aveva chiuso venerdì sera contrastata: Dow Jones -0,21% a 35.369 punti, S&P 500 -0,03% a 4.535 punti, Nasdaq +0,21% a 15.363 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, da seguire Unicredit nelle ultime ore utili per la due diligence su Mps, anche se l’esame prosegue e si attende una proroga dell’esclusiva assegnata dal Tesoro. Sarebbero quindi necessari ulteriori approfondimenti, come ampiamente previsto, mentre si tratta di vedere se la proroga sarà breve o di alcune settimane. Il tema peraltro è al centro della campagna elettorale per le elezioni suppletive che si tengono a Siena il 3 ottobre.

Fra le raccomandazioni dei broker, gli analisti di Barclays hanno alzato il target price su Snam da 5,10 a 5,70 euro, confermando il rating overweight.

Hsbc ha riavviato la copertura su Nexi con un giudizio buy e prezzo obiettivo di 20 euro.

Tornano di scena le trimestrali su Borsa italiana oggi con i conti di alcune big come Exor e nel lusso Salvatore Ferragamo (conference ore 18).

Intanto sullo Star Esprinet ha archiviato il primo semestre 2021 un utile netto pressoché triplicato (+187%) a 22,1 milioni , su ricavi per 2,23 miliardi (+22%). L’ebitda adjusted è migliorato del 74% a 41,7 milioni, ebit adjusted più che raddoppiato a 34,1 milioni. Confermata la guidance 2021. Il gruppo min proposito cita “un elevato livello di instabilità nella supply chain tuttora molto penalizzata dalla indisponibilità di componentistica elettronica”. Allo stesso tempo non sono “ancora ben misurabili gli impatti sul secondo semestre 2021 dell’avvio del massiccio piano di investimento governativo pluriennale connesso al programma NextGenEU che pensiamo possa essere un fondamentale vettore di crescita per il mercato e per il nostro Gruppo nei prossimi anni.

Fra le altre notizie, da segnalare che Mediobanca ha concluso con successo il collocamento di un bond senior non preferred con scadenza a 7 anni (novembre 2028 e call nel 2027), per un ammontare complessivo di 500 milioni di euro. La domanda ha superato gli 1,8 miliardi, consentendo così di prezzare 30 punti base sotto il livello indicato in apertura del book. Il bond è stato prezzato con un rendimento di 0,75%, pari a 100 punti base sopra il tasso mid swap di riferimento.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura