Mer 20 Novembre 2019 — 06:18

Borsa italiana oggi: Unicredit, Mediobanca, Banco Bpm, Amplifon, Tenaris, Salini Impregilo



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sotto la parità

Borsa italiana oggi news

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sotto la parità, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari chiudere poco mossa (+0,04% il Ftse Mib). La Borsa italiana resta focalizzata sulla carrellata di trimestrali che ha premiato ieri Diasorin, maglia rosa del listino principale, e penalizzato Cnh, Poste italiane, Mps. Le banche restano sotto i riflettori.

A Tokyo intanto il Nikkei  ha chiuso positivo +0,11% a 23.330 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si conferma sotto quota 1,11 contro il dollaro; il petrolio è stabile con il Brent a 61 dollari e il Wti a 56 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera contrastata: Dow Jones invariato a 27.492 punti, S&P 500 +0,07% a 3.076 punti, Nasdaq -0,29% a quota 8.410.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, occhi puntati su Unicredit sia per la cessione dell’intera quota di Mediobanca, una mossa storica, sia per la trimestrale appena diffusa. Unicredit ha chiuso il terzo trimestre 2019 con un utile netto contabile e rettificato (+25,7% annuo) di 1,1 miliardi, su ricavi per 4,7 miliardi (+4,1%), con margine di interesse a 2,6 mld, commissioni a 1,6 mld. Cet1 al 12,6% da 12,08% di fine giugno. Sul fronte degli npl, il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti viene abbattuto al 5,7%. Confermata la presentazione del nuovo piano il prossimo 3 dicembre: si chiamerà “Team 23”.

Il consensus degli analisti raccolto dalla stessa Unicredit stimava fra l’altro un utile netto di 1,034 miliardi, su ricavi per 4,580 miliardi, margine d’interesse a 2,554 miliardi, commissioni a 1,559 miliardi.

Banco Bpm ha visto nel terzo trimestre ricavi per 1.021,7 milioni, in linea con attese, e un utile netto di 93,3 milioni che supera le aspettative. Sulla base di questi risultati e delle previsioni la banca preannuncia di essere pronta a staccare sull’esercizio il suo primo dividendo. Il ceo Castagna ha confermato che la presentazione del piano slitta al primo trimestre 2020.

Fra le mosse dei broker, gli analisti di Hsbc hanno avviato la copertura su Amplifon con raccomandazione buy e target price di 27 euro.

Morgan Stanley ha tagliato la raccomandazione su Tenaris da overweight a equal weight con prezzo obiettivo di 12 euro.

Da segnalare che il cda di Salini Impregilo ha deliberato di dare avvio all’esercizio integrale della delega per l’aumento di capitale di 600 milioni di euro e ha annunciato questa mattina l’avvio del collocamento di nuove azioni. Impegni di sottoscrizione da parte di Salini Costruttori, Cdp Equity e banche finanziatrici fino a massimi Euro 450 milioni, sulla base degli accordi sottoscritti; garanzia di BofA Securities, Citigroup e Natixis fino ad un ammontare massimo pari a 150 milioni. L’aumento, in via inscindibile, a pagamento e con esclusione del diritto di opzione, è finalizzato alla nascita di Progetto Italia, il nuovo polo delle costruzioni.

Tornando ai conti societari, Creval ha archiviato i primi 9 mesi dell’anno con un utile netto triplicato a 33,4 milioni che superano le stime degli analisti per 25 milioni. Fra gli altri numeri, il margine di interesse si attesta a 262,7 milioni in calo del 4,27%.

Generali nei primi nove mesi ha registrato un utile netto di gruppo di 2.163 milioni (+16,6%) aiutato dai proventi per 475 milioni dalle dismissioni di Leben e delle attività belghe. Il risultato operativo si è attestato a 3,9 miliardi (+9,1%), grazie al contributo di tutti i segmenti di business. I premi lordi complessivi sono stati pari 51,4 miliardi, in aumento del 3,2%, legato allo sviluppo sia del ramo Danni sia del Vita. La posizione di capitale rimane solida con un Preliminary Regulatory Solvency Ratio a 204%.

Fra i numerosissimi appuntamenti odierni con le trimestrali, spiccano i risultati di Italgas, che saranno diffusi subito dopo il cda e commentati in conference alle ore 17,30; e quelli di Leonardo a mercato chiuso con la conference in programma alle ore 18,30.

ubi massiah 19-11-2019 — 11:08

Massiah (Ubi): non tutte le fusioni sono di successo

La banca al centro del dossier M&A assieme a Banco Bpm, Bper e Mps, ma l’ad preferisce restare cauto. Il nuovo piano nel primo trimestre

continua la lettura