Ven 30 Luglio 2021 — 16:37

Borsa italiana oggi: Fca, Unicredit, Generali, Edison



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in rialzo

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in rialzo, alla ripartenza dopo il lungo ponte di Capodanno e una seduta lo scorso 30 dicembre senza grandi spunti con la stessa Piazza Affari poco sotto la parità (Ftse Mib -0,12% a 22.232 punti). La Borsa italiana ha mandato in archivio il 2020 con un bilancio del -5,4% sull’indice principale, sostanzialmente linea con il resto del Vecchio Continente, mentre Wall Street è stata trainata nel corso dell’anno dal rally dei tecnologici (Nasdaq +43,6%) che hanno approfittato della pandemia del coronavirus.

I future Usa trattano questa mattina in frazionale rialzo dopo aver chiuso il 2020 all’insegna di nuovi massimi storici.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,68% a 27.258 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si rafforza a 1,2250; il petrolio tratta in deciso rialzo con il Brent a 52 dollari e il Wti a 49 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso positiva l’ultima seduta dell’anno: Dow Jones +0,65% a 30.606 punti, S&P 500 +0,64% a 3.756 punti, Nasdaq +0,14% a 12.888 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, da seguire Fiat Chrysler (Fca) nel giorno dell’assemblea chiamata ad approvare la fusione con Peugeot (Psa) nel nuovo gruppo Stellantis. I francesi riuniscono la propria assemblea. Il closing potrebbe già arrivare entro il mese di gennaio e a quel punto scatterebbe il pagamento dei ricchi dividendi previsti nell’operazione.

Fra le prime raccomandazioni di Borsa del 2021, gli analisti di Bernstein hanno tagliato il rating su Eni da market-perform a underperform, e il target price da 11 a 7 euro.

Banche osservate speciali dopo un anno decisamente negativo (-21%) per il settore alle prese con l’impatto del Covid-19. Intanto sul fronte della qualità del credito Unicredit ha annunciato l’emissione di una prima tranche di titoli del Progetto Sandokan 2. I sottoscrittori sono Unicredit, Pimco e GWM mentre Aurora REcovery Capital (Arec) agisce in qualità di Asset Manager e Special Servicer della cartolarizzazione. Le note sono state emesse dal veicolo Yanez Spv per circa 908 milioni di euro. Il portafoglio sottostante Sandokan 2 ricomprende al momento finanziamenti ipotecari erogati da Unicredit, principalmente Utp, ed è destinato ad aumentare nel corso del 2021 con ulteriori contribuzioni, fino ad un importo massimo pari a 2 miliardi lordi.

Da parte sua Bper ha concluso la cartolarizzazione di un portafoglio di sofferenze per cui sarà richiesta la garanzia pubblica (Gacs) sulla tranche senior. Nel dettaglio, Bper Banca e la sua controllata Banco di Sardegna hanno ceduto un portafoglio da 270,8 milioni alla data di riferimento del 31 luglio 2020 (a fronte di un valore lordo esigibile, sempre a tale data, di 322 milioni) al veicolo di cartolarizzazione Summer Spv. Il prezzo di cessione, viene spiegato, è avvenuto a valori leggermente inferiori a quelli iscritti nelle contabilità delle banche cedenti, con un impatto marginale a conto economico.

Fra gli assicurativi, acquisizione di fine anno (è stata annunciata il 31 dicembre) per Generali, che ha rilevato il 100% di Axa Insurance Grecia. Prezzo 165 milioni, a un multiplo di 12,2 volte gli utili 2019, soggetto ad aggiustamenti al closing. Inoltre, Generali ha rinegoziato l’accordo di distribuzione tra Axa Grecia e Alpha Bank in scadenza a marzo 2027, estendendolo per 20 anni.

Da segnalare inoltre su Borsa italiana oggi che Edison ha firmato l’accordo con Sval Energi per la cessione del 100% di Edison Norge AS. Alla società fanno capo le attività di esplorazione e produzione di idrocarburi in Norvegia rimaste escluse dal perimetro della cessione di Edison E&P a Energean. L’accordo è determinato sulla base di un enterprise value pari a 300 milioni di dollari all’1 gennaio 2020. L’impatto sulla posizione finanziaria netta di Edison ad oggi è stimato sensibilmente superiore a tale valore. Il closing è previsto entro il primo semestre del 2021.

unicredit mps esuberi 30-07-2021 — 03:23

Acquisizione Unicredit di Mps, fino a 6.000 esuberi ma su base volontaria?

Orcel: “Abbiamo concordato con il governo i principali presupposti da soddisfare per una transazione di successo”, evitare “esuberi non necessari”

continua la lettura