Lun 09 Dicembre 2019 — 09:52

Borsa italiana oggi: Saipem, Unicredit, Campari, Astaldi



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sotto la parità

Borsa italiana oggi news

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sotto la parità, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere in leggero calo (-0,26% il Ftse Mib). La Borsa italiana è stata penalizzata da vendite principalmente su Juventus e alcune banche, mentre si sono messi in luce Nexi e Ferragamo.

Wall Street resterà chiusa per festività del Ringraziamento.

Sull’obbligazionario, il Tesoro offre in asta Btp e Ccteu fino a 5,75 miliardi.

A Tokyo intanto il Nikkei  ha chiuso debole -0,12% a 23.409 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è poco mosso in area 1,1010 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 63 dollari e il Wti a 57 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera ancora su livelli record: Dow Jones +0,15% a 28.164 punti, S&P 500 +0,42% a 3.153 punti, Nasdaq +0,66% a quota 8.705.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, si segnala che Saipem si è aggiudicata due nuovi contratti per parchi eolici offshore, da realizzare in Scozia e a Taiwan, del valore complessivo di circa 750 milioni di euro.

Possibili spunti su Unicredit, mentre è partito il conto alla rovescia per il piano industriale 2020-2023 che sarà presentato il 3 dicembre, e con indiscrezioni sul riassetto programmato in Turchia. Secondo quanto scrive Bloomberg, la joint venture di Unicredit con Koc Holding che controlla l’82% della banca Yapi è destinata a sciogliersi, arrivando così a detenere ciascuno direttamente il 41% dell’istituto turco. Unicredit a sua volta cederebbe meno del 10% di Yapi iniziando a diluirsi intorno al 33% e Koc acquisterebbe la quota, salendo ma sotto la soglia della maggioranza (quindi massimo al 49%). Se Koc dovesse decidere di non acquistare la quota, Unicredit potrebbe cederla a una terza parte o procedere con un accelerated bookbuilding.

Da seguire Campari dopo che la rivale francese Rémy Cointreau ha chiuso il primo semestre dell’esercizio 2019-2020 co un utile netto di 90,5 milioni (+0,8% a cambi costanti) e un utile operativo di 138,3 milioni (-4,7%), entrambi sotto attese. Il gruppo si dice penalizzato dalle proteste a Hong Kong che hanno pesato su vendite di cognac e investimenti. Per l’intero anno 2019-2020, Rémy Cointreau prevede un reddito operativo corrente invariato a causa del contesto geopolitico incerto.

Fra le altre notizie, l’assemblea degli obbligazionisti di Astaldi ha approvato all’unanimità modifiche al relativo regolamento del prestito obbligazionario da 75 milioni, come già deliberate dal cda di Astaldi del 21 novembre scorso. Le modifiche includono l’incremento dell’ammontare nominale massimo del bond, che è non convertibile e garantito, fino a 190 milioni, così da consentire ad Astaldi l’emissione, in una o più tranche, entro l’11 febbraio 2020, di ulteriori titoli, fino a un massimo di 115 milioni. Tra le modifiche c’è anche la conferma e l’estensione di talune garanzie esistenti, insieme alla concessione a favore dei bondholder di nuove garanzie.

borsa italiana oggi 09-12-2019 — 08:13

Borsa italiana oggi: Unicredit, Mps, Mediaset

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi marginalmente negativa

continua la lettura