Mer 29 Gennaio 2020 — 14:01

Borsa italiana oggi: Telecom (Tim), Inwit, Brembo, Nexi



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

Borsa milano

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, alla ripartenza dopo una settimana di cauto recupero per Piazza Affari (+0,9% il Ftse Mib) mentre venerdì la chiusura è stata negativa (-0,3%). La Borsa italiana come gli altri mercati internazionali guarda soprattutto al meeting della Fed che mercoledì potrebbe annunciare un taglio dei tassi di almeno un quarto di punto, mentre proseguono semestrali e trimestrali.

A Tokyo intanto il Nikkei  ha chiuso in calo -0,19% a 21.616 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è poco mosso in area 1,1140 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 63 dollari e il Wti a 56 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso venerdì sera positiva: Dow Jones +0,19% a 27.192 punti, S&P 500 +0,74% a 3.025 punti, Nasdaq +1,11% a quota 8.330.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, possibili nuovi spunti su Telecom (Tim), finalmente in spolvero venerdì (+4%) dopo l’annuncio dell’accordo per la condivisione delle torri con Vodafone, che prevedono sinergie per oltre 800 milioni ciascuno nei prossimi 10 anni. Tim si aspetta che il suo debito “si riduca nel tempo di oltre 1,4 miliardi”.

Per la nuova Inwit (+3,8%), di cui Tim e Vodafone avranno inizialmente il 37,5% ciascuna, con la possibilità di ridurre successivamente la quota fino al 25% è atteso un beneficio in termini di Ebitda di oltre 200 milioni di euro al 2026. Solo dopo il closing (primo semestre 2020) sarò staccato un dividendo straordinario da quantificare, mentre per il dividendo ordinario post-fusione il payout sarà dell’80%.

Sul fronte delle trimestrali, si segnalano le conference oggi di Brembo (ore 14) e Nexi (ore 14).

Inoltre si riuniscono per approvare i conti i cda di Anima, Caltagirone Editore, Cir, Cofide, Italgas (risultati domani in pre-apertura), Molmed, la stessa Inwit e Rai Way.

Fra le altre notizie, l’ad di Fincantieri Giuseppe Bono in un’intervista al Corriere si è
detto pronto a dimettersi se il governo dovesse bloccare la joint venture siglata recentemente con la rivale francese Naval Group. Bono ha inoltre criticato l’antitrust europeo per la sua lentezza e la burocrazia, dicendosi però fiducioso in un’approvazione dell’operazione su Stx.

Unicredit trimestre 29-01-2020 — 12:23

Unicredit: trimestre atteso in rosso, focus su dividendo

Il dividendo viene stimato a 0,63 euro, pù che raddoppiato (+133%) dalla cedola di 0,27 euro distribuita a valere sul 2018. Da segnalare che su un panel di 18 broker che forniscono una raccomandazione sulla banca guidata da Jean Pierre Mustier, il 100% dice buy

continua la lettura