Mer 22 Gennaio 2020 — 13:26

Borsa italiana oggi: Telecom (Tim), Mediaset, Eni, Enel, Ubi



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere debole (-0,3% il Ftse Mib). La Borsa italiana come gli altri listini internazionali sconta l’incertezza sugli esiti del negoziato Usa-Cina sul commercio, mentre si avvicina la scadenza del 15 dicembre entro la quale può essere scongiurato un nuovo round di dazi.

A Tokyo intanto il Nikkei  ha chiuso positivo +0,23% a 23.354 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è poco mosso a 1,11 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 63 dollari e il Wti a 58 dollari al barile. Da seguire oggi gli esiti della riunione Opec.

Wall Street ha chiuso ieri sera marginalmente positiva: Dow Jones +0,10% a 27.677 punti, S&P 500 +0,15% a 3.117 punti, Nasdaq +0,05% a quota 8.570.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, da seguire Telecom dopo una dura nota di Open Fiber in cui la joint venture fra Enel e Cdp ha respinto al mittente alcuni commenti dell’ad, Luigi Gubitosi, che preme per la rete unica sotto il cappello di Tim, superando il modello wholesale only. “L’annuncio da parte di Tim di un progetto di acquisizione della società, forse anche al fine di inglobare il pericolo concorrenziale e poter quindi ricostituire un monopolio in capo all’operatore verticalmente integrato, appare un’ulteriore dimostrazione dell’efficacia del modello di business di Open Fiber (“wholesale only”, ndr). Si tratta di una operazione né auspicata dagli altri operatori sul mercato (che si sono espressi chiaramente in materia), né coerente con i principi di concorrenza”.

Occhi puntati su Mediaset, nel giorno della nuova udienza al Tribunale Milano su un possibile accordo “tombale” con Vivendi, sia sulla holding Mfe sia sull’ampio contenzioso pregresso. Le due parti però sono apparse fino a oggi lontane.

Fra le mosse dei broker, gli analisti di Jp Morgan hanno limato il target price di Eni da 15 a 14 euro, confermando la raccomandazione underweight.

Enel ha esercitato l’opzione di rimborso anticipato dell’obbligazione ibrida (Isin XS1014997073), non convertibile e subordinata emessa e quotata il 15 gennaio 2014, di importo nominale pari a 1 miliardo, scadenza 15 gennaio 2075. Il 15 gennaio 2020 (first call date) Enel procederà a rimborsare l’importo nominale complessivo ancora in circolazione, pari a circa 410 milioni di euro, oltre agli interessi maturati fino al giorno precedente la data di riacquisto.

Fra le banche, Ubi ha ricevuto dalla Bce i requisiti patrimoniali minimi fissati all’esito dello Srep per il 2020. Francoforte ha fissato un requisito minimo di Cet1 pari al 9,25% fully loaded, invariato rispetto al 2019 e comunque ben al di sopra deggli attuali livelli patrimoniali della banca.

popolare sondrio caricento 22-01-2020 — 10:43

Popolare Sondrio, è guerra con il fondo Amber

Il fondo, che si è visto bocciare la richiesta di ammissione a socio, non potrà partecipare all’assemblea e denuncia la “violazione della democrazia azionaria”

continua la lettura