Dom 26 Settembre 2021 — 03:22

Borsa italiana oggi: Stellantis, Cnh, Stm, Mediaset, De’ Longhi



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari chiudere in buon rialzo (Ftse Mib +0,93% a 25.925 punti). La Borsa italiana è stata sostenuta da ricoperture sui petroliferi (soprattutto Saipem), auto (Pirelli), banche e utilities, mentre i realizzi hanno preso duramente di mira Diasorin e Amplifon.

Sul fronte macro, occhi puntati oggi sull’inflazione americana CPI di agosto (consensus 5,3% con l’indicatore core atteso a 4,2% annuo).

I future Usa questa mattina trattano leggermente positivi.

A Tokyo il Nikkei ha chiuso con un +0,73% a 30.670 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è poco mosso a 1,1810; il petrolio avanza con il Brent a 74 dollari e il Wti a 71 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera contrastata: Dow Jones +0,76% a 34.869 punti, S&P 500 +0,23% a 4.468 punti, Nasdaq -0,07% a 15.105 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, Stellantis sotto i riflettori dopo i rumors secondo cui il gruppo sarebbe in trattative avanzate con GAC per prendere il controllo della joint venture Jeep in Cina. La mossa, secondo quanto riporta Bloomberg, sarebbe il primo passo di una nuova strategia nel maggiore mercato auto del mondo.

Cnh Industrial ha annunciato l’arrivo di Francesco Tanzi, direttore finanziario uscente di Pirelli, quale cfo di Iveco Group che inizierà a operare in via autonoma verso l’inizio del 2022. Il manager entrerà a far parte della società a partire dal 1° gennaio 2022, per poi assumere il ruolo di Chief Financial Officer di Iveco Group non appena lo scorporo sarà effettivo.

Fra le raccomandazioni dei broker gli analisti di Credit Suisse hanno alzato il target price su Stmicroelectronics (Stm) da 41 a 46,50 euro confermando il rating outperform.

Da seguire su Borsa italiana oggi le azioni Mediaset, nel giorno del cda sui conti del primo semestre 2021. I risultati saranno comunque svelati domani in preapertura, mentre alle 9 si terrà la conference.

Da segnalare che la holding De Longhi Industrial e il presidente Giuseppe de’ Longhi hanno ceduto congiuntamente circa 6 milioni di azioni De’ Longhi, pari a circa il 4% del capitale, tramite accelerated bookbuilding. L’operazione è avvenuta al prezzo di 35,38 euro per azione. Il titolo aveva chiuso ieri a 38,88 euro. Il collocamento accelerato è stato gestito da Ubs Investment Bank.

Tornando alle semestrali, Orsero ha chiuso i primi sei mesi dell’anno con ricavi per 513,1 milioni, in flessione dell’1,5% rispetto allo stesso periodo del 2020, periodo segnato dall'”eccezionalità delle vendite da panic buying durante i lockdown” e con un adjusted ebitda salito del 13,1% a 26,6 milioni e marginalità record del 5,2%. L’utile netto è cresciuto del 32,1% a 8,2 milioni mentre la posizione finanziaria netta è scesa nel semestre da 103,3 a 91,4 milioni grazie all'”importante generazione” di cassa operativa che ha permesso di migliorare la guidance sul 2021 dell’indebitamento finanziario netto da 80-85 a 75-78 milioni.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura