Mer 08 Dicembre 2021 — 13:13

Borsa italiana oggi: Stellantis, Mediaset



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi nuovamente in rosso, alla ripartenza dopo una seduta negativa venerdì scorso che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in calo (Ftse Mib -0,27% a 25.615 punti). La Borsa italiana come gli altri listini del Vecchio Continente è stata frenata dai timori relativi all’inflazione, con un balzo dei prezzi al consumo a settembre del 3,4% nell’Eurozona (le attese erano per un +3,3%); Wall Street è stata invece sostenuta dall’annuncio arrivato da Merck (+8,4%) di una pillola anti-Covid per cui sarà richiesta l’autorizzazione alla Fda. Piazza Affari ha mandato in archivio la settimana con un -1,4%.

Nel fine settimana il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha affermato che la Bce “dovrebbe agire con prudenza nel contrastare shock che appaiono avere una natura solo temporanea”, assicurando in ogni caso che la politica monetaria di Francoforte “si manterrà accomodante fino a quando necessario”. Oggi il tema dell’inflazione farà capolino sul tavolo dell’Eurogruppo che si riunisce con la partecipazione proprio della Bce.

In agenda oggi anche una riunione dell’Opec+.

L’evento clou della settimana saranno comunque i dati sull’occupazione americana in uscita venerdì.

A Hong Kong stop alle contrattazioni per Evergrande, il colosso immobiliare cinese che resta pertanto al centro delle preoccupazioni degli investitori.

I future Usa intanto trattano questa mattina in calo.

A Tokyo il Nikkei ha chiuso con un -1,13% a 28.444 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1590; il petrolio tratta poco mosso con il Brent a 79 dollari e il Wti a 75 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso venerdì sera in deciso rialzo: Dow Jones +1,43% a 34.326 punti, S&P 500 +1,15% a 4.357 punti, Nasdaq +0,82% a 14.566 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, da seguire Stellantis dopo il dato negativo delle immatricolazioni italiane di settembre, uscite a -41,6% con il mercato a sua volta in decisa flessione a -32,7%. Per il gruppo guidato da Carlos Tavares il bilancio dei 9 mesi resta positivo a +20,1% in linea con il mercato italiano (+20,6%).

Fra le raccomandazioni dei broker, gli analisti di Barclays hanno alzato il target price su Eni da 11 a 13 euro, confermando il rating underweight.

Rbc ha promosso la spagnola Endesa, controllata di Enel, da underperform a sector perform, limando il prezzo obiettivo da 21,50 a 19 euro.

Su Borsa italiana oggi sono inoltre possibili spunti su Mediaset dopo l’accelerazione che ha portato il gruppo del Biscione a rilanciare il progetto di una holding MediaForEurope (Mfe) che sarà sottoposto all’assemblea degli azionisti il prossimo 25 novembre. Le società operative Mediaset Italia e Mediaset Espana manterranno la loro denominazione attuale. Il cda ha inoltre proposto l’introduzione di una struttura azionaria a doppia categoria per dare “una maggiore flessibilità per il finanziamento di eventuali future operazioni di M&A”.

In particolare, ogni azione Mediaset attualmente in circolazione sarà convertita in una azione ordinaria B e tutti gli azionisti Mediaset in un giorno di riferimento stabilito avranno diritto a una azione ordinaria A per ogni azione ordinaria B posseduta. Ogni azione ordinaria A avrà un valore nominale di 0,06 euro e ogni azione B un valore nominale di 0,60 euro (contro l’attuale 0,52 euro). Conseguentemente ogni azione ordinaria A darà diritto a un voto e ogni azione ordinaria B darà diritto a dieci voti. Entrambe le categorie di azioni avranno i medesimi diritti patrimoniali (dividendi).

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura