Dom 26 Settembre 2021 — 02:56

Borsa italiana oggi: Stellantis, Generali, Fineco, Enel, Erg, Tim, Seco



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari chiudere in leggera controtendenza (Ftse Mib -0,05% a 25.351 punti). La Borsa italiana è stata penalizzata da prese di beneficio sulle banche e su Ferrari dopo i conti.

Il focus resta sulle trimestrali. Sul fronte macro, le attese si concentrano sui numeri dell’occupazione Usa di luglio che usciranno venerdì pomeriggio.

I future Usa trattano questa mattina contrastati.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,50% a 27.641 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1870; il petrolio è debole con il Brent a 72 dollari e il Wti a 71 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera contrastata: Dow Jones -0,28% a 34.838 punti, S&P 500 -0,18% a 4.387 punti, Nasdaq +0,06% a 14.681 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, trimestrali ancora sotto i riflettori con i conti di Stellantis che ha segnato nel primo semestre un risultato operativo rettificato pro forma di 8,6 miliardi, con 11,4% di margine; ricavi netti pari a 75,3 miliardi di euro (+46%). La guidance per l’anno è stata alzata a circa il 10% di margine del risultato operativo rettificato. Margine record per il Nord America al 16,1%. Viene poi segnalato il “forte avvio” del piano di sinergie, con 1,3 miliardi di benefici di cassa nel semestre. Conference alle ore 15.

Intanto si registrano anche i dati deboli delle immatricolazioni in Italia, con Stellantis che ha segnato a luglio un -20,3% a 39.779 auto, peraltro in linea con il mercato (-19,4%); un trend che potrebbe riflettere in parte l’attesa per l’avvio degli incentivi che sono scattati ieri. Nei primi 7 mesi 2021 immatricolazioni a +39,4% (+38% il mercato italiano).

Da parte sua Generali ha archiviato il primo semestre 2021 con un utile netto pressoché raddoppiato a 1.540 milioni, risultato operativo a 3 miliardi (+10,4%), premi lordi a 38 miliardi (+5,5%), con andamenti positivi nei segmenti Vita (+5,8%) e Danni (+4,9%). Il Solvency Ratio si attesta al 231% (224% nell’intero 2020). Il gruppo guidato da Philippe Donnet afferma di essere “pienamente in linea con gli obiettivi dell’anno” e “per completare con successo il piano strategico Generali 2021”. Confermati dividendi cumulati 2019-2021 tra 4,5 e 5 miliardi.

Il consensus degli analisti raccolto da Generali stimava un utile semestrale di 1,47 miliardi di euro, raccolta premi per 37,1 miliardi, risultato operativo di 2,95 miliardi, solvency ratio al 235%.

Sul fronte della governance, fonte di tensione soprattutto con il socio Caltagirone, il gruppo ha comunicato “l’avvio di attività preparatorie della procedura per la definizione dell’eventuale lista del cda”, in vista del rinnovo dell’organo amministrativo in scadenza nel 2022. La procedura che sarà sottoposta all’esame del cda nella riunione fissata il 27 settembre. Donnet conferma la presentazione del nuovo piano il prossimo 15 dicembre.

Fra gli altri risultati in agenda da segnalare Fineco Bank, con la conference in programma alle ore 14; si riuniscono inoltre per approvare i dati contabili i cda di Banca Profilo, Banco Desio, Buzzi Unicem, Cairo Communication, Enav, Iren, Pininfarina, Poste Italiane, Reply, Restart, Sabaf, Safilo.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno alzato il target price su Unicredit da 11 a 12 euro, confermando il rating neutral.

Fra le altre notizie su Borsa italiana oggi, da segnalare che Erg ha ceduto a Enel il 100% di Erg Hydro per 1 miliardo di euro, in linea con le aspettative del mercato sull’operazione. A passare di mano è un sistema integrato di produzione di energia idroelettrica, che si estende fra Umbria, Lazio e Marche, composto da 19 impianti idroelettrici,7 impianti minihydro, 7 dighe, 4 bacini (corrispondenti a Salto, Turano, Corbara e Piediluco) e una stazione di pompaggio, per una potenza efficiente di 527 Mw e una produzione media annua di circa 1,5 TWh.

Olivetti, digital farm per le soluzioni IoT del gruppo Tim, e Seco hanno siglato un accordo di partnership pluriennale. Obiettivo, lo sviluppo e commercializzazione di soluzioni hardware e software intelligenti, a supporto dell’accelerazione dei processi di digitalizzazione delle aziende. Le soluzioni troveranno applicazione sia nei settori in cui Olivetti ha avviato proposizioni specifiche (smart cities, servizi urbani, automazione industriale, smart agriculture) sia nei sistemi digitali di pagamento e in generale per il mondo degli oggetti connessi.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura