Mer 08 Dicembre 2021 — 14:03

Borsa italiana oggi: Recordati, Cerved, Guala, Sicit



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva, all’indomani di una seduta segnata dai realizzi che ha visto Piazza Affari chiudere in forte calo (Ftse Mib -2,55% a 24.641 punti). La Borsa italiana come gli altri listini internazionali è stata penalizzata sostanzialmente da prese di beneficio, che hanno preso a pretesto i timori sulla solidità della ripresa economica, ma anche l’inasprimento dell’emergenza Covid in Giappone quando mancano poche settimane alle Olimpiadi. Nessuna sorpresa dalla revisione del target d’inflazione Bce, una mossa accomodante ma ampiamente attesa.

Più moderate le vendite a Wall Street, reduce peraltro da una sfilza di record sull’S&P500 (l’ultimo l’altra sera).

I future Usa trattano questa mattina poco mossi.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,63% a 27.940 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1830; il petrolio è poco mosso con il Brent a 74 dollari e il Wti a 73 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera negativa: Dow Jones -0,75% a 34.421 punti, S&P 500 -0,86% a 4.320 punti, Nasdaq -0,72% a 14.559 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, il tema potrebbe essere quello di un possibile rimbalzo, dopo che le vendite si sono accanite ieri sulle banche, con Banco Bpm, Bper, Unicredit e Intesa Sanpaolo tutte in calo di circa il 3%; colpita anche l’auto con Stellantis, il suo primo azionista Exor, ma non Ferrari (che ha contenuto i danni a -0,6%); e diverse utilities fra cui Enel in flessione di oltre il 2%.

Recordati si appresta a rivedere la sua governance. Lo conferma il gruppo commentando i rumors riportati oggi da Repubblica su una partenza del presidente Altavilla. A subentrargli sarebbe l’attuale ad Andrea Recordati, che lascerebbe libera la carica di amministratore delegato, per cui sarebbe già stato selezionato un manager di standing internazionale. Sul nome del
futuro ad vige il massimo riserbo,
dato che il manager starebbe a sua
volta negoziando con l’azienda gli
ultimi dettagli. Il gruppo conferma che “è stato avviato, nel miglior interesse della Società e di tutti gli stakeholders, un processo volto a rafforzare la governance dell’azienda”.
L’esito di tale processo, “non appena sarà finalizzato, sarà oggetto di tempestiva comunicazione al mercato”.

Fra le raccomandazioni di Borsa, Goldman Sachs ha tagliato Moncler da buy a neutral, alzando il prezzo obiettivo da 57,30 a 60 euro.

Goldman Sachs ha inoltre tagliato Salvatore Ferragamo da neutral a sell, riducendo il target da 18,20 a 16,60 euro.

Gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price su Brunello Cucinelli da 40 a 45 euro, confermando il rating hold.

Via libera Consob al documento di offerta di Castor BidCo, veicolo che fa capo al gruppo Ion di Andrea Pignataro, su Cerved. Il periodo di adesione avrà inizio il 16 luglio 2021 e terminerà il 5 agosto 2021. L’opa mette sul piatto un prezzo di 9,50 euro per azione.

Da segnalare inoltre su Borsa italiana oggi che le azioni Guala Closures saranno oggetto di delisting a partire dal prossimo 20 luglio. Lo comunica una nota di Special Packaging Solutions Investments, veicolo di Investindustrial che ha promosso l’offerta pubblica d’acquisto sul gruppo piemontese. Al termine della procedura di sell-out, che si è chiusa oggi, l’offerente è arrivato a detenere il 98,88% del capitale. Pertanto sussistono i presupposti di legge per l’esercizio del diritto di acquisto e per l’adempimento dell’obbligo di acquisto nei confronti degli azionisti che ne facciano richiesta con riferimento alla totalità delle azioni residue ancora in circolazione.

Sempre in tema di opa, oggi è l’ultimo giorno per aderire all’offerta pubblica lanciata da Nb Renaissance su Sicit. Il prezzo è stato alzato nei giorni scorsi da 15,45 a 16,80 euro per azione; la consegna dei titoli ieri sera aveva raggiunto il 75,28% del capitale.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura