Dom 26 Settembre 2021 — 02:14

Borsa italiana oggi: Unicredit, Poste, Stellantis, Mediaset, Tod’s



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari chiudere in buon rialzo (Ftse Mib +1,38% a 25.422 punti). La Borsa italiana è stata trainata soprattutto dall’healthcare con ricoperture su Amplifon e Diasorin, miste le banche con Unicredit e Intesa Sanpaolo in deciso rialzo, mentre Banco Bpm e Mps hanno scontato prese di beneficio.

Sul fronte macro, il focus è sugli Usa con l’inflazione Pce di maggio.

Gli stress test della Fed si sono conclusi con promozione delle 23 maggiori banche; cadono le restrizioni sui dividendi e i piani di buy back che erano state imposte lo scorso anno a causa della pandemia.

I future Usa trattano questa mattina sopra la parità, all’indomani di nuovi record per S&P500 e Nasdaq.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un +0,66% a 29.066 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1940; il petrolio è poco mosso con il Brent a 75 dollari e il Wti a 73 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in rialzo: Dow Jones +0,95% a 34.196 punti, S&P 500 +0,58% a 4.266 punti, Nasdaq +0,69% a 14.369 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, gli esiti positivi degli stress test Usa potrebbero premiare le banche europee in attesa dei propri esami che saranno resi noti alla fine di luglio. Intanto S&P ha modificato ieri sera l’outlook di Unicredit a stabile da negativo. Confermati i rating della banca BBB a lungo termine e A2 a breve termine come anche il rating delle emissioni.

Da seguire Poste che ha ceduto la sua partecipazione del 4,7% in Tink al Gruppo Visa. Quest’ultimo ha rilevato il 100% della piattaforma di open banking per 1,8 miliardi. Poste Italiane ottiene una plusvalenza al netto delle imposte pari a circa 53 milioni, “che comporta un incremento del patrimonio netto tramite ‘altri utili e perdite complessivi’ senza impatto a conto economico”.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price su Stellantis da 21 a 22 euro, confermando il giudizio buy.

Jp Morgan ha avviato la copertura su Recordati con raccomandazione neutral e prezzo obiettivo di 47 euro.

Mediaset nei primi sei mesi dell’anno ha registrato una crescita dei ricavi pubblicitari totali di circa il 31,5%, rispetto allo stesso periodo del 2020. Il secondo trimestre, spiega Mediaset, ha infatti “performato al di sopra delle aspettative di inizio anno, con una crescita superiore al 65%” su anno. Nel semestre così “la raccolta pubblicitaria Tv di Publitalia 80 è tornata ai livelli 2019 evidenziando la forza editoriale dei contenuti Mediaset”.

Fra gli eventi societari è in programma oggi una conferenza stampa del presidente di Tod’s Diego Della Valle a Roma (ore 10,30).

Webuild, parte del consorzio Spark, è stato selezionato come miglior offerente per il North East Link Project di Melbourne, in Australia. Si tratta del più grande progetto di tunneling nello Stato di Victoria.

Fra le altre notizie su Borsa italiana oggi, da segnalare che Snam ha concluso con successo il collocamento del suo quarto Transition Bond per un ammontare di 500 milioni. L’emissione ha scadenza il 30 giugno 2031 con una cedola annua del 0,625% e un prezzo re-offer di 98,724% (corrispondente ad uno spread di 65 punti base sul mid swap di riferimento). I proventi del collocamento verranno utilizzati per finanziare progetti nella transizione energetica, i cosiddetti Eligible Projects, come definiti nel Transition Bond Framework pubblicato nel giugno 2020.

Anche Generali ha collocato un bond subordinato tier 2 da 500 milioni di euro in formato sostenibile ai sensi del Sustainability Bond Framework adottato dalla compagnia di assicurazioni. Il titolo, con scadenza 2032, paga una cedola annua dell’1,713%.

Fly, il veicolo messo in campo dalla famiglia Carraro, e le persone che agiscono di concerto, hanno raggiunto la quota del 91,56% del capitale di Carraro. Si procederà al delisting. Scatta la procedura di sell-out con la quale Fly acquisterà le azioni residue dagli azionisti che ne abbiano fatto richiesta. La riapertura dei termini dell’offerta avverrà nei giorni 29 e 30 giugno e 1, 2 e 5 luglio 2021.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura