Dom 27 Settembre 2020 — 19:55

Borsa italiana oggi: Ubi, Nexi, Stm, Mediaset, Rcs



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi debole

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sotto la parità, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in rialzo (Ftse Mib +0,73% a 17.369 punti). La Borsa italiana ha così portato la striscia positiva a tre sedute di fila, anche se continua a fare i conti con la volatilità legata all’emergenza coronavirus, e alle incognite sulle misure messe in cantiere da parte dei governi, specialmente quelli europei. La Bce ha invece avviato con successo il suo Qe “pandemico” contribuendo ieri ad abbattere lo spread sotto 160 punti.

Il vertice Ue intanto non ha trovato un accordo su una risposta comune all’emergenza e il Consiglio ha dato mandato all’eurogruppo di elaborare ulteriori proposte, entro due settimane. Per ora l’Italia avrebbe ottenuto di lasciare in secondo piano un possibile intervento del Mes, il fondo salva Stati che prevede severe condizioni per l’accesso al programma, essendo pensato per salvataggi in seguito a crisi finanziarie di singoli Paesi.

Sull’obbligazionario, il Tesoro offre oggi in asta Bot a 6 mesi per 7 miliardi.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso in rialzo del +3,88% a 19.389 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è stabile sopra 1,10 contro il dollaro; il petrolio tenta un rimbalzo con il Brent a 26 dollari e il Wti a 23 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in rally: Dow Jones +6,38% a 22.552 punti, S&P 500 +6,24% a 2.630 punti, Nasdaq +5,60% a 7.797 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, S&P ha confermato tutti i rating di Ubi Banca in Credit Watch Positivo. L’agenzia aveva messo sotto osservazione con implicazioni positive Ubi dopo l’offerta di Intesa Sanpaolo. Il creditwatch è legato al fatto che se “l’offerta avrà successo, Ubi diventerà parte del gruppo Intesa e alla fine si fonderà con Intesa”. S&P aveva precisato che “risolverà il creditwatch una volta che l’operazione sarà completata» e potrebbe alzare il rating di Ubi un gradino”.

Fra le raccomandazioni dei broker, gli analisti di Hsbc hanno tagliato il giudizio su Nexi da buy a hold con un target price di 13 euro.

Deutsche Bank ha limato il prezzo obiettivo su Stmicroelectronics (Stm) da 33 a 28 euro confermando la raccomandazione buy.

Terremoto ai vertici di vertice di Prosiebensat, il broadcaster tedesco di cui Mediaset è primo azionista con il 20%. Il ceo Max Conze lascerà l’azienda con effetto immediato, mentre il cfo Rainer Beaujean assumerà anche l’incarico di amministratore delegato. La riorganizzazione del consiglio esecutivo, spiega il gruppo tedesco, si accompagna a un cambiamento nel focus strategico con il ritorno alla centralità dell’entertainment in Germania, Austria e Svizzera: l’enfasi principale sarà posta sui format locali e live in collaborazione con Red Arrow Studios (di cui è stata ritirata la cessione) e Studio 71. Prevista una ulteriore espansione del digitale.

Fiat Chrysler (Fca) ha annunciato la proroga degli stabilimenti negli Usa e Canada fino al 14 aprile, mossa peraltro attesa visto che il presidente Trump ha espresso la volontà di riaprire l’America per Pasqua, che cade il 12 aprile.

Ferrari riaprirà la produzione di Maranello e Modena il 14 aprile 2020.

A sua volta Fincantieri ha deciso di proseguire, “dal 30 marzo, la sospensione dell’attività lavorativa degli stabilimenti e delle sedi, sia nel settore Cruise che in quello Militare fino alla data indicata dal Decreto”. Come da accordo con i sindacati, l’azienda provvederà a richiedere la Cassa integrazione guadagni ordinaria per la causale “emergenza Covid-19”, a zero ore.

Sul fronte delle trimestrali, Rcs Mediagroup ha chiuso il 2019 con ricavi consolidati pari a 923,6 milioni (-5,3%), Ebitda pari a 153,3 milioni (-1,29%) e un utile netto di 68,5 milioni (-19,6%). Il cda proporrà all’assemblea un dividendo di 0,03 per azione da 0,06 euro un anno fa.

A sua volta la controllata Cairo Communication riduce la cedola a 0,04 euro per azione da 0,14 euro dell’anno precedente, a fronte di un bilancio 2019 chiuso con un utile netto in calo a 42,1 milioni da 60,3 milioni nel 2018.

Fra le altre notizie, l’assemblea di Generali non si terrà a Trieste ma a Torino, senza partecipazione fisica dei soci, “il 27 aprile, in sede ordinaria e straordinaria in prima convocazione, e occorrendo il 29 aprile 2020 in seconda convocazione o il 30 aprile in terza convocazionè. Rimane invece immutata al 16 aprile la data di registrazione (record date) per determinare la legittimazione all’esercizio dei diritti sociali nell’assemblea”.

banco bpm credit agricole 25-09-2020 — 11:43

Banco Bpm, spunta la pista Crédit Agricole

Il titolo prosegue la sua corsa nonostante le smentite dei francesi. L’istituto resta comunque il possibile obiettivo di una prossima operazione di fusione bancaria

continua la lettura