Dom 26 Settembre 2021 — 02:10

Borsa italiana oggi: Generali, Mediaset, Stellantis, Energica



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere in cauto rialzo (Ftse Mib +0,39% a 26.027 punti). La Borsa italiana è stata sostenuta da un acuto di Stm, deboli le banche, in ordine sparso utilities e petroliferi (bene Eni).

I future Usa questa mattina trattano leggermente positivi, all’indomani di una seduta volatile dopo i numeri dell’inflazione di agosto usciti per lo più sotto attese. Si attendono possibili indicazioni dal meeting della Fed in calendario la prossima settimana.

A Tokyo il Nikkei ha chiuso con un -0,52% a 30.511 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,18; il petrolio avanza con il Brent a 74 dollari e il Wti a 71 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in marcato calo: Dow Jones -0,84% a 34.577 punti, S&P 500 -0,57% a 4.443 punti, Nasdaq -0,45% a 15.037 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, occhi puntati su Generali dopo che i consiglieri non esecutivi si sono espressi a maggioranza per un rinnovo del mandato all’attuale ceo Philippe Donnet, osteggiato dal patto Del Vecchio-Caltagirone. L’esito della riunione era prevedibile, visti gli equilibri nel board. La maggioranza ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto e i risultati conseguiti da Donnet, accogliendo favorevolmente la disponibilità del manager nel caso in cui il Consiglio uscente proceda alla presentazione di una lista del cda. Lo ha reso noto una comunicazione del gruppo assicurativo diffusa nella serata di ieri.

Da seguire Mediaset alla luce dei risultati del primo semestre chiuso con un utile netto di 226,7 milioni di euro, da -18,9 milioni di un anno fa e superiore anche ai 102,7 milioni del pari periodo 2019. Il risultato netto ha beneficiato della plusvalenza della partecipata EiTowers, avvenuta con la vendita delle torri di telecomunicazione, e dei dividendi distribuiti da Prosiebensat. “Anche escludendo queste due ultime componenti – riporta la nota di Mediaset – il risultato netto 2021 si conferma superiore a quello 2019”. I ricavi sono aumentati del 19% sul 2020 a 1,387 miliardi di euro. In particolare, in Italia, i ricavi si attestano a 963,7 milioni di euro, a fronte dei 791,3 milioni del primo semestre precedente (+22%), con 979,9 milioni di raccolta pubblicitaria. Nel secondo trimestre i ricavi pubblicitari (526,4 milioni) sono stati anche superiori allo stesso periodo 2019.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Goldman Sachs hanno alzato il target price su Stellantis da 21 a 27 euro, confermando il rating buy.

Barclays ha rivisto il prezzo obiettivo su Enel da 10 a 9,90 euro, confermando il giudizio overweight.

Fra le altre notizie su Borsa italiana oggi, Edison e Snam hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) insieme a Saipem e Alboran Hydrogen, che già avevano sottoscritto un accordo di collaborazione lo scorso gennaio, per lo sviluppo congiunto del progetto Puglia Green Hydrogen Valley. Si tratta di una delle prime iniziative per la produzione e il trasporto di idrogeno verde su larga scala in Italia. Il progetto prevede la realizzazione di tre impianti di produzione di idrogeno verde a Brindisi, Taranto e Cerignola (Foggia) per una capacità complessiva di 220 MW ed alimentati da una produzione fotovoltaica per una potenza totale di 380 MW. Sarà creata una società di scopo (Alboran 30%, Edison 30%, Snam 30%, Saipem 10%) a valle della sottoscrizione di accordi vincolanti.

Sull’Aim, occhi puntati su Energica Motor Company, nel mirino di un’opa lanciata da Ideanomics in accordo con i fondatori. L’offerta mette sul piatto un prezzo di 3,20 euro per ciascuna azione e 0,10 euro per Warrant. Il prezzo di offerta per azione rappresenta un premio di circa il
3% e di circa il 10% rispetto al prezzo medio ponderato dell’azione, rispettivamente, dell’ultimo mese e
degli ultimi sei mesi.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura