Mer 18 Settembre 2019 — 12:09

Borsa italiana oggi: Saipem, Exor, Mediaset



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva

Borsa italiana oggi news ftse mib Finanza Report

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in rialzo, all’indomani di una seduta positiva che ha visto Piazza Affari maglia rosa del vecchio Continente (+1,6% il Ftse Mib). La Borsa italiana ha beneficiato di acquisti su auto e banche, queste ultime in scia a una nuova discesa dello spread (in chiusura a 149 punti con rendimento del decennale su nuovi minimi storici).

La Cina ha fatto sapere oggi che ci sarà un nuovo incontro con gli Usa in ottobre per trovare un accordo sulla guerra commerciale.

A Tokyo intanto il Nikkei  ha chiuso in deciso rialzo +2,12% a 21.085 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si conferma sopra 1,10 contro il dollaro; il petrolio
consolida con il Brent a 60 dollari e il Wti a 56 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera positiva: Dow Jones +0,91% a 26.355 punti, S&P 500 +1,08% a 2.937 punti, Nasdaq +1,30% a quota 7.976.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, fra le mosse dei broker, gli analisti di Goldman Sachs hanno tagliato la raccomandazione su Saipem da buy a neutral con target price di 6,50 euro.

Possibili spunti su Exor con i conti semestrali che hanno evidenziato un balzo dell’utile a 2.427 milioni di euro dai 741 milioni dello stesso periodo del 2018per effetto soprattutto della plusvalenza genrata dalla cessione di Magneti Marelli. Il net asset value (Nav) della cassaforte degli Agnelli è salito di oltre 4,1 mld a 23.882 milioni di dollari (circa 21 miliardi di euro), grazie anche al rally di Ferrari (+63,3%) . In miglioramento anche la posizione finanziaria netta, negativa per 2.521 milioni di euro rispetto ai 3.255 milioni di fine 2018.

Mediaset resta sotto i riflettori all’indomani del via libera dell’assemblea al riassetto del gruppo nell’ambito della nuova holding olandese Mfe, contornato da nuove roventi polemiche con Vivendi, secondo cui il voto è “illegale” e “gli amministratori di Mediaset stanno trascinando la società in gravi controversie”. Il gruppo del Biscione rilancia accusando a sua volta i francesi di voler deprimere il titolo in Borsa. I voti contrari ieri sono stati il 21%, ma il cda del Biscione come avvenuto in passato ha escluso Simon Fiduciaria, custode del restante 19,8% acquistato da Vivendi, e che sarebbe stato decisivo per raggiungere un terzo dell’assemblea e bocciare l’operazione.

Del Vecchio mediobanca generali 18-09-2019 — 10:59

Mediobanca: Del Vecchio si prende quota del 7%, obiettivo Generali?

Piazzetta Cuccia torna sotto i riflettori assieme alla catena che la lega al gruppo assicurativo di Trieste

continua la lettura