Mar 10 Dicembre 2019 — 15:33

Borsa italiana oggi: Eni, Saipem, Stm, Telecom (Tim), Inwit, Bio-on, Radici



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità

Borsa italiana oggi news

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità, all’indomani di una seduta negativa dopo le aperture della Bce a un taglio dei tassi e a un nuovo pacchetto di stimolo, che non vede però consenso unanime nel Consiglio direttivo. Anche Piazza Affari ha chiuso in calo al termine di una seduta volatile (-0,8% il Ftse Mib). La Borsa italiana è inoltre alle prese con le prime semestrali.

Sull’obbligazionario, il Tesoro offre oggi in asta Ctz fino a 2 miliardi e Btp-i fino a 1,25 miliardi.

A Tokyo intanto il Nikkei  ha chiuso in calo -0,45% a 21.658 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è poco mosso in area 1,1140 contro il dollaro; il petrolio è positivo con il Brent a 63 dollari e il Wti a 56 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri negativa: Dow Jones -0,47% a 27.140 punti, S&P 500 -0,53% a 3.003 punti, Nasdaq -1,00% a quota 8.238.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, occhi puntati su Eni che ha tagliato il traguardo del secondo trimestre con un utile operativo adjusted di 2,28 miliardi (-11%), utile netto adjusted di 560 milioni, netto a 420 milioni,
produzione a 1,83 mln di barili. Proposto un acconto del dividendo 2019 a 0,43 euro per azione, con previsione di dividendo annuo di 0,86 euro per azione.

Il consensus degli analisti raccolto dalla stessa Eni stimava nel secondo trimestre un utile operativo adjusted di 2,36 miliardi di euro, utile netto adjusted a 950 milioni, produzione a 1,81 milioni di barili di olio equivalente/giorno.

Fra le mosse dei broker, gli analisti di Goldman Sachs hanno alzato il target price di Saipem dopo i conti di ieri da 6 a 6,50 euro confermando la raccomandazione buy.

Sempre dopo i conti, su StMicroelectronics (Stm) Barclays rimane overweight con un obiettivo di prezzo aumentato da 19 a 20 euro. Goldman Sachs rimane neutral con un prezzo obiettivo aumentato da 16,50 a 17 euro. Deutsche Bank conferma il buy e alza il target da 20 a 22 euro.

Si riuniscono oggi i cda straordinari di Telecom (Tim) e della controllata Inwit per esaminare il progetto di accordo con Vodafone sulla condivisione delle torri. Attesi annunci con una conferenza stampa convocata alle ore 15 in presenza dell’ad di Tim, Luigi Gubitosi; di Inwit, Giovanni Ferigo; e di Vodafone Italia, Aldo Bisio.

Unicredit prosegue le pulizie di bilancio con la cessione di un nuovo portafoglio di Npl per 450 milioni suddiviso tra due compratori: Illimity e Guber

Tornando ai conti societari, sono previsti oggi i cda di Alerion, Cementir Holding, Gedi Gruppo Editoriale, Piaggio, Ratti, Vianini, Zignago Vetro.

Sull’indice Aim, il focus resta sulla vicenda di Bio-on, uno dei titoli più gettonati del listino delle Pmi che dal debutto avvenuto nel 2014 è cresciuto di oltre il 1000%, raggiungendo una capitalizzazione di 1 miliardo, ma che in due sedute ha bruciato 760 milioni dopo le gravi accuse da parte di un fondo Usa, Quintessential, secondo cui il produttore bolognese di bioplastiche è in realtà poco più che una scatola vuota. Quintessential ha una posizione ribassista sul titolo. La ferma smentita dei vertici di Bio-on non è bastata sinora a rassicurare il mercato. Ieri sera la società ha presentato anche una denuncia ai carabinieri per diffamazione, dopo aver perso nel corso della seduta un -69,7%.

Sullo stesso listino debutta oggi Radici Pietro Industries & Brands, società bergamasca specializzata nella produzione di moquette ed erba sintetica. Il collocamento è stato chiuso nei giorni scorsi con successo per un controvalore pari a circa 6,2 milioni e in base al prezzo di offerta (3,1 euro per azione) è prevista una capitalizzazione di circa 26,7 milioni di euro.

deutsche bank italia 10-12-2019 — 12:19

Deutsche Bank, la Bce lima i requisiti patrimoniali. Avanti con il piano

Intanto nel corso di un Investor Day la banca ha ribadito gli obiettivi di taglio dei costi, confermato anche il target di redditività ma pesano i tassi d’interesse

continua la lettura