Ven 23 Aprile 2021 — 07:53

Borsa italiana oggi: Moncler, Ferragamo, Cnh, Prysmian, Creval



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva

borsa milano

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere in lieve rialzo (Ftse Mib +0,12% a 24.421 punti). La Borsa italiana è stata in parte sostenuta da acquisti su Poste e Tim, deboli le banche anche in scia al caso dell’hedge fund Archegos Capital che ha inflitto perdite ad alcuni colossi finanziari internazionali.

Il Mef ha annunciato dal 19 al 23 aprile la terza emissione del Btp Futura: il titolo, riservato ai risparmiatori privati, avrà durata 16 anni.

I future Usa trattano questa mattina poco mossi, all’indomani di una seduta contrastata ma con una chiusura record per il Dow Jones.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un +0,16% a 29.432 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si conferma debole poco sotto 1,18; il petrolio consolida con il Brent a 64 dollari e il Wti a 61 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in ordine sparso: Dow Jones +0,30% a 33.171 punti, S&P 500 -0,09% a 3.971 punti, Nasdaq -0,60% a 13.059 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, fra le raccomandazioni dei broker, Deutsche Bank in un report sul lusso ha promosso Moncler da hold a buy, alzando il target price da 52 a 55 euro.

Barclays ha alzato il prezzo obiettivo su Unipol da 5,60 a 5,90 euro confermando il rating overweight.

Inoltre Barclays ha rivisto il target su Generali da 15,50 a 16,50 euro, confermando l’underweight.

Tornando al lusso, Ferragamo Finanziaria ha depositato la lista per il rinnovo del cda della controllata Salvatore Ferragamo che rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio 2023. I nomi comprendono Leonardo Ferragamo, Michele Norsa, Micaela le Divelec Lemmi, e poi Giacomo Ferragamo, Angelica Visconti, Peter Woo, Umberto Tombari, Patrizia Giangualano, Marinella Soldi e Frederic Biousse.

Da seguire Cnh Industrial dopo l’indiscrezione riportata da Bloomberg su una imminente offerta della cinese Faw per i camion di Iveco. La stessa Cnh nei mesi scorsi aveva comunicato l’avvio di trattative preliminari con Faw su Iveco e una quota di minoranza di Fpt Industrial, la divisione motori del gruppo. La mossa è stata tuttavia criticata da una parte della politica che potrebbe sollecitare il governo a opporre il golden power. L’agenzia cita fonti a conoscenza del dossier, secondo le quali Cnh avrebbe rispedito al mittente una prima offerta nell’ordine dei 3 miliardi di euro.

Atlantia resta in attesa dell’offerta aggiornata di Cdp-fondi per Aspi. Ieri intanto l’assemblea della holding ha stoppato l’iter del progetto alternativo di scissione.

Da segnalare che Prysmian ha finalizzato il contratto con Rwe Renewables, uno dei più grandi sviluppatori di parchi eolici offshore al mondo, per la realizzazione di un sistema in cavo ad alta tensione sottomarino e terrestre “chiavi in mano” del valore di oltre 200 milioni di euro per il parco eolico offshore Sofia da 1,4 gigaWatt. Il gruppo aveva già annunciato un accordo come “preferred bidder” a novembre 2020.

Fra le banche inizia oggi l’opa di Crédit Agricole Italia su Credito Valtellinese (Creval). Ieri il cda della banca ha ritenuto non congruo il prezzo dell’offerta, pari a 10,50 euro per azione. Il titolo, continua scontare un rilancio e ha chiuso ieri poco sopra 12 euro.

22-04-2021 — 10:06

Credit Suisse chiude trimestre in profondo rosso dopo caso Archegos

La perdita è meno forte delle attese, ma il regolatore apre un’indagine. Via a due bond convertibili. Il titolo perde terreno sulla Borsa di Zurigo

continua la lettura