Ven 23 Aprile 2021 — 07:06

Borsa italiana oggi: Bper, Banco Bpm, Sabaf



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità

borsa milano

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità, all’indomani di una seduta di acquisti che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in rialzo (Ftse Mib +1,06% a 19.265 punti). La Borsa italiana come gli altri listini internazionali ha beneficiato delle notizie positive sullo stato di salute del presidente Usa Donald Trump, che hanno anche innescato un rimbalzo delle quotazioni del petrolio e dei petroliferi (Saipem maglia rosa a Piazza Affari).

Trump in tarda serata è stato dimesso dall’ospedale e proseguirà le terapie intraprese contro il Covid. Il presidente americano ha invitato a “non avere paura del virus”.

I future Usa trattano poco mossi dopo il rally di ieri.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un +0,52% a 23.433 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è stabile a 1,1780; il petrolio rimane ben impostato con il Brent a 41 dollari e il Wti a 39 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in forte rialzo: Dow Jones +1,68% a 28.148 punti, S&P 500 +1,80% a 3.408 punti, Nasdaq +2,32% a 11.332 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa italiana, resta osservata speciale Bper all’indomani di una seduta burrascosa nel primo giorno dell’aumento di capitale da 802 milioni: le azioni hanno ceduto il 7,37% a 1,18 euro e i diritti il 33,87% a 0,4 euro. L’operazione è funzionale all’acquisto di 532 filiali da Intesa Sanpaolo (di cui 501 ex Ubi Banca). Da inizio anno Bper lascia sul terreno oltre il 60%. Ieri l’ad Alessandro Vandelli e il presidente Pietro Ferrari, per testimoniare la fiducia nel titolo, hanno investito rispettivamente 19 e 96 mila euro in azioni della banca.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno ridotto il target price su Banco Bpm da 0,90 a 0,80 euro confermando il rating underweight.

Quanto a Nexi, protagonista ieri (+3%) dopo l’accordo per la fusione con Sia, Unicredit e la stessa Sia hanno confermato di aver avviato “una trattativa in esclusiva sull’attuale accordo di outsourcing per la fornitura di alcuni servizi di processing in Italia, Austria e Germania relativi alle transazioni con carte di pagamento e alla gestione dei terminali Pos e Atm, e il suo rinnovo fino al 2036”. Le parti hanno l’obiettivo di finalizzare gli accordi vincolanti “nei primi mesi del 2021, in linea con le tempistiche previste per soddisfare gli adempimenti regolamentari relativi alla fusione Nexi-Sia recentemente annunciata”.

Fra le altre notizie, in occasione degli incontri con gli investitori istituzionali in programma per oggi nell’ambito della Star Conference organizzata da Borsa Italiana, Sabaf ha reso noti ricavi preliminari del terzo trimestre 2020 a 47,2 milioni di euro (+16,8% su base annua, +8,9% a parità di area di consolidamento). Il produttore di componenti per elettrodomestici ha inoltre alzato la guidance 2020 indicando vendite comprese tra 170 e 175 milioni (dai 155,9 milioni del 2019 e stime precedenti a 162-167 mln) e una redditività operativa lorda in miglioramento rispetto al primo semestre, quando era stata pari al 17% delle vendite.

22-04-2021 — 10:06

Credit Suisse chiude trimestre in profondo rosso dopo caso Archegos

La perdita è meno forte delle attese, ma il regolatore apre un’indagine. Via a due bond convertibili. Il titolo perde terreno sulla Borsa di Zurigo

continua la lettura