Sab 06 Marzo 2021 — 12:51

Borsa italiana oggi: Creval, Mps, Atlantia, Tiscali



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sopra la parità, alla ripartenza dopo una seduta positiva venerdì scorso che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in rialzo (Ftse Mib +0,79% a 21.706 punti), peraltro migliore del Vecchio Continente. La Borsa italiana ha così archiviato una nuova settimana positiva (+3,84%) riducendo le perdite da inizio anno a -7,65% nonostante le incertezze che in parte rimangono sul fronte coronavirus. Finora a novembre il recupero è stato del +20,98%.

Il vaccino anti-Covid di Oxford-Astrazeneca, è stato annunciato oggi, ha tagliato il traguardo della fase 3 con un’efficacia del 70%, in media, con punte fino al 90%.

I future Usa trattano questa mattina positivi.

A Tokyo intanto il Nikkei è rimasto chiuso oggi per festività.

Sul forex, l’euro/dollaro è poco mosso a 1,1870; il petrolio avanza con il Brent a 45 dollari e il Wti a 42 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso venerdì sera negativa: Dow Jones -0,75% a 29.263 punti, S&P 500 -0,68% a 3.557 punti, Nasdaq -0,42% a 11.854 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, occhi puntati sul Credito Valtellinese (Creval) dopo la mossa del Crédit Agricole Italia che ha lanciato un’opa sull’istituto guidato da Luigi Lovaglio a 10,5 euro per azione. Il titolo aveva chiuso venerdì a 8,695 euro, il premio è del 21,4%. L’annuncio segna la prima importante operazione di M&A bancario dopo l’opas di Intesa Sanpaolo su Ubi, e conferma l’attivismo della banca francese in Italia. Crédit Agricole Italia ha già ricevuto un impegno a vendere da parte di Algebris, per la sua partecipazione in Credito Valtellinese pari a circa il 5,4% del capitale sociale. Nel contesto dell’offerta, Crédit Agricole Assurances, controllata di Crédit Agricole, venderà alla promotrice dell’offerta la partecipazione detenuta in Creval del 9,8%. L’offerta sarà condizionata al raggiungimento da parte di Crédit Agricole Italia di una partecipazione pari almeno al 66,7% del capitale con diritto di voto di Creval, con la possibilità di rinunciare a tale condizione purché abbia acquisito almeno il 50% più un’azione del capitale sociale con diritto di voto di Credito Valtellinese. Il documento di offerta verrà pubblicato dopo l’approvazione dello stesso da parte di Consob, attesa per marzo-aprile 2021. L’offerta dovrebbe in ogni caso concludersi entro maggio.

Venendo alle raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno alzato il target price su Intesa Sanpaolo da 2,20 a 2,40 euro, confermando il rating overweight.

Jefferies ha rivisto il prezzo obiettivo su Unicredit da 8,90 a 9 euro confermando il giudizio hold.

Ancora fra le banche, mentre montano le aspettative per una fusione BperBanco Bpm, occhi puntati anche su Mps in vista del cda di giovedì 26 novembre che dovrebbe affrontare il nodo dell’aumento di capitale, la cui taglia è prevista fra i 2 e 3 miliardi. Intanto il Tesoro avrebbe arruolato Bank of America come advisor finanziario e Orrick in veste di consulente legale in un nuovo tentativo di trovare un compratore per la banca salvata nel 2017.

Da registrare su Borsa italiana oggi lo stacco di alcuni dividendi con l’acconto delle cedole di Poste Italiane (0,162 euro), Recordati (0,5 euro), Tenaris (0,0588 euro) e Terna (0,0909 euro), ma anche Danieli (0,14 euro sulle azioni ordinarie e 0,1607 euro sulle risparmio) e Piaggio (0,037 euro).

Da seguire Atlantia dopo le indiscrezioni di stampa secondo cui la controllata Autostrade per l’Italia avrebbe approvato la nuova versione del Piano economico finanziario (Pef), a seguito dei rilievi dell’Art (autorità di regolazione dei trasporti), e l’avrebbe inviato al governo già lo scorso 19 novembre. La mossa potrebbe aiutare a sbloccare la trattativa in corso per la cessione dell’88% della stessa Aspi a Cdp e fondi. Nella nuova versione del Pef il Piano industriale della concessionaria è completamente confermato. Inoltre Aspi avrebbe scritto sabato al ministero una ulteriore lettera nella quale comunica di accettare anche l’Atto Aggiuntivo (contratto che serve a recepire il nuovo Pef nella concessione vigente) nei termini proposti dal governo. Intanto è stato annunciato ieri sera l’avvicendamento al vertice di Edizione, la cassaforte della famiglia Benetton: Enrico Laghi sarà il nuovo presidente della società, al posto di Gianni Mion che lascia dopo una collaborazione iniziata nel 1986.

Telecom (Tim) e Tiscali hanno invece annunciato di aver sottoscritto i contratti esecutivi della partnership in FiberCop, la società della rete secondaria. Sono stati inoltre sottoscritti una serie di accordi operativi e commerciali immediatamente efficaci che regolano le fasi del progetto, la prima delle quali riguarderà la razionalizzazione della rete di Tiscali. In linea con il piano di sviluppo di FiberCop, Tiscali potrà attivare nuovi clienti sulla rete di nuova costituzione.

mediobanca del vecchio 05-03-2021 — 10:29

Del Vecchio smentisce asse con Caltagirone su Mediobanca-Generali

Al momento non sembra che i due soci abbiano un piano comune per intervenire sulla governance del Leone di Trieste. La partita comunque si deciderà entro un anno

continua la lettura