Mer 28 Settembre 2022 — 02:43

Borsa italiana oggi: Telecom, Eni, Saipem



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in recupero, all’indomani di una seduta turbolenta che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in forte calo (Ftse Mib -0,05% a 21.354 punti). La Borsa italiana è stata zavorrata dalle vendite su petroliferi (Saipem in particolare) e banche (soprattutto Mps e Bper e a eccezione di Unicredit) sui rinnovati timori di una recessione innescata dalle banche centrali.

Si attendono questa sera le minute della Fed, finora determinata a portare avanti la stretta a suon di rialzo dei tassi d’interesse, mentre sono meno chiare le intenzioni della Bce.

In evidenza sul calendario macro anche l’Ism non manifatturiero di giugno.

I future Usa trattano questa mattina sotto la parità.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -1,20% a 26.107 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida dopo il crollo di ieri a 1,0250; stesso discorso per il petrolio con il Brent a 103 dollari e il Wti a 99 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in deciso recupero dai minimi di giornata: Dow Jones -0,42% a 30.967 punti, S&P 500 +0,16% a 3.831 punti, Nasdaq +1,75% a 11.322 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, da seguire Telecom Italia (Tim) nel giorno del cda sul piano industriale, i cui dettagli saranno illustrati domani dal management. Focus sulla riorganizzazione che prevede in particolare la divisione tra NetCo e ServCo, ed eventuali aggiornamenti su rete unica e valorizzazione degli asset.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Deutsche Bank hanno alzato il target price su Eni da 14,90 a 15,70 euro, confermando il buy; stesso giudizio da parte di Ubs che porta il prezzo obiettivo da 17 a 17,50 euro.

Inoltre Ubs taglia il target su Stellantis da 25 a 18,50 euro confermando il buy.

Saipem a caccia di un rimbalzo all’indomani di un nuovo scivolone per il titolo (-10%) e per i diritti (-70%) che da oggi non saranno più negoziabili, mentre secondo gli analisti l’aumento di capitale da 2 miliardi si appresta ad andare in porto ma con un’ampia fetta di inoptato a carico delle banche del consorzio di garanzia.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura