Mer 28 Settembre 2022 — 02:42

Borsa italiana oggi: Exor, Ferrari, Snam, Terna



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi nuovamente in rosso, alla ripartenza dopo una seduta negativa venerdì scorso che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in deciso calo (Ftse Mib -2,12% a 24.279 punti). La Borsa italiana ha archiviato la settimana con un bilancio negativo (-2,34%) mentre il consuntivo da inizio anno è un -11,22%.

Non è andata meglio a Wall Street, nuovamente in calo per la quarta settimana di fila.

I mercati proveranno oggi a digerire la stretta preannunciata dalle banche centrali, la Fed in particolare che non intende fermarsi dopo il rialzo dei tassi di 50 punti base dato ormai per scontato nel meeting di maggio. Da parte sua la Bce potrebbe alzare i tassi per la prima volta a luglio: la presidente Christine Lagarde venerdì ha confermato che l’aumento del costo del denaro arriverà “probabilmente” entro l’anno.

L’agenda macro prevede oggi l’Ifo tedesco di aprile.

Da segnalare che S&P ha confermato il rating dell’Italia a BBB/A-2 con outlook positivo.

Sul fronte della politica, in Francia il presidente uscente Emmanuel Macron si è aggiudicato il ballottaggio e un secondo mandato battendo la sfidante Marine Le Pen. Nessuna sorpresa rispetto agli ultimi sondaggi.

Sul versante della guerra Russia-Ucraina, proseguono i rifornimenti di armi occidentali a Kiev, mentre l’Europa prepara un nuovo round di sanzioni che riguarderà anche le importazioni di petrolio.

I future Usa trattano questa mattina in rosso.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -1,90% a 26.590 punti. L’Asia sconta oggi anche un nuovo aumento di casi di Covid in Cina e timori di un lockdown a Pechino dopo Shanghai.

Sul forex, l’euro/dollaro s’indebolisce a 1,0730; il petrolio arretra con il Brent a 103 dollari e il Wti a 98 dollari al barile.

Wall Street aveva chiuso venerdì sera in forte calo: Dow Jones -2,82% a 33.811 punti, S&P 500 -2,77% a 4.271 punti, Nasdaq -2,55% a 12.839 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, possibili spunti su Exor dopo che la holding di casa Agnelli ha annunciato il suo primo investimento nel settore della sanità. Exor ha investito 67 milioni per il 45% di Lifenet Healthcare, società italiana che gestisce cliniche e ospedali in Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Lazio. Un settore, “quello della salute, nel quale siamo interessati a crescere”, ha dichiarato il presidente John Elkann.

Intanto la controllata Ferrari è in cerca di riscatto dopo una seduta di vendite (-3,5%) venerdì scorso in scia al richiamo di modelli 458 e 488 per un tappo difettoso del liquido dei freni. In un’intervista al Sole 24 Ore l’ad Benedetto Vigna, interpellato sulle future strategie, ha dato l’appuntamento al Capital Markets Day del 16 giugno, precisando comunque che Maranello non è interessata a fusioni, ma a partnership funzionali a superare la sfida dell’elettrificazione. Inoltre “Ferrari non è solo un marchio dell’auto, essenzialmente è un marchio del lusso”. Al Gp di Imola intanto la Rossa ha mancato il podio ottenendo il sesto posto con Charles Leclerc.

Fra le raccomandazioni di Borsa, Barclays ha ritoccato il prezzo obiettivo su Inwit da 12 a 12,50 euro, confermando il rating equal weight.

Deutsche Bank ha tagliato la raccomandazione su Terna da buy a hold e alzato il target price sul titolo da 7,70 a 8,30 euro.

Deutsche Bank inoltre ha rivisto il target price su Enel da 8,50 a 8 euro, confermando il buy; su Snam da 5,60 a 6 euro, confermando il buy; e su Italgas da 5,50 a 6,10 euro confermando il giudizio hold.

Morgan Stanley ha tagliato il prezzo obiettivo su Unicredit da 19,50 a 16,50 euro, confermando tuttavia il rating overweight.

Inoltre Morgan Stanley ha limato il target price su Intesa Sanpaolo da 3,70 a 3,20 euro, confermando il giudizio overweight; e su Mediobanca da 12,10 a 11,70 euro (equal-weight).

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura