Mer 28 Settembre 2022 — 02:17

Borsa italiana oggi: Intesa Sanpaolo, Banco Bpm, Generali, Unipol, Eni, Tim



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere in discreto rialzo (Ftse Mib +0,73% a 27.570 punti). La Borsa italiana è stata trainata da ricoperture sulle utilities, guidate da Enel; bene anche Tim; banche e petroliferi in ordine sparso.

I mercati si sono confermati ieri volatili, soprattutto a Wall Street dove gli indici hanno invertito la rotta, azzerando i buoni guadagni della prima parte della seduta per chiudere in deciso ribasso. A pesare i timori di una stretta più marcata del previsto da parte della Fed, che si riunisce la prossima settimana.

Il calendario macro oggi è scarno di dati particolarmente rilevanti; in agenda (ore 13,30) un discorso della presidente della Bce Christine Lagarde.

I future Usa trattano questa mattina in ordine sparso.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,90% a 27.522 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1350; il petrolio arretra con il Brent a 87 dollari e il Wti a 84 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera nuovamente in calo: Dow Jones -0,89% a 34.715 punti, S&P 500 -1,10% a 4.482 punti, Nasdaq -1,30% a 14.154 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, fra le raccomandazioni dei broker, Morgan Stanley ha promosso Intesa Sanpaolo da equal-weight a overweight e alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 2,90 a 3,30 euro.

Barclays ha alzato il target price su Banco Bpm da 3,60 a 4 euro, confermando il giudizio overweight.

Barclays inoltre ha ritoccato il prezzo obiettivo su Unicredit da 13,80 a 15 euro, confermando il rating equal weight.

Berenberg ha migliorato il target price su Generali da 22,70 a 23,40 euro, confermando il buy.

In un altro report sugli assicurativi SocGen ha invece tagliato le stesse azioni Generali da buy a hold con un target di 19,50 euro.

SocGen ha tagliato anche Unipol da buy a hold limando il target di prezzo da 5,50 a 5,40 euro.

Goldman Sachs ha alzato il target price su Eni da 16 a 17 euro, confermando il buy; a sua volta Kepler Cheuvreux ha migliorato il target da 16 a 16,5 euro confermando la raccomandazione buy.

Possibili spunti su Telecom Italia (Tim) nel giorno del cda con all’ordine del giorno la nomina del nuovo amministratore delegato. In pole position resta Pietro Labriola, che dallo scorso 26 novembre è stato nominato direttore generale del gruppo. Labriola, intanto, è al lavoro sul nuovo piano strategico di Tim che dovrebbe essere approvato dal board della società il 2 marzo. Il titolo intanto si è concesso ieri un rimbalzo (+3,3%) dopo le copiose vendite delle sedute precedenti.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura