Finanzareport.it | Borsa italiana oggi: attesa per Nvidia, upgrade per Iveco e Mediobanca - Finanza Report

Mer 24 Aprile 2024 — 15:40

Borsa italiana oggi: attesa per Nvidia, upgrade per Iveco e Mediobanca



DIRETTA NEWS / I mercati tentano un allungo

Borsa italiana oggi

Le Borse oggi tentano un allungo dopo la debolezza delle recenti sedute, anche se la giornata è più che altro scandita dall’attesa per le minute della Fed, che saranno diffuse in serata, e per i risultati di Nvidia, il colosso dei mucrochip per l’intelligenza artificiale che secondo diversi operatori sarebbe addirittura determinante per il futuro sentiment dei mercati. Da inizio anno, volatile nelle ultime ore, guadagna circa il 40%, mentre l’anno scorso il titolo ha triplicato il suo valore. Stasera i risultati della trimestrale e l’outlook per i mesi a venire.

(Scorrere verso il basso per vedere tutti gli aggiornamenti della diretta news)

Ore 17:30 – Ftse Mib finale +1,00% a 32.018 punti

Piazza Affari oggi migliore d’Europa, che chiude in ordine sparso, mentre Wall Street procede sotto la parità.

Le indicazioni dei broker favoriscono gli acquisti su Iveco +5%, Mediobanca a +4,2%; in luce le banche con Bper (+3,9%), Mps (+3,1%), Unicredit (+1,6%) e Intesa Sanpaolo (+1,3%). In coda al listino Nexi (-0,9%), Telecom (-0,7%), Leonardo (-0,6%).

Ore 16:30 – Nvidia (-2%), consensus analisti

Azioni Nvidia anche oggi in rosso in una nuova giornata di realizzi per l’azionario Usa. Gli analisti si aspettano che Nvidia riporti un fatturato del quarto trimestre 2023/2024 di 20,4 miliardi di dollari, in crescita di quasi il 240% su base annua, con un utile per azione rettificato di 4,59 dollari.

Le prospettive per il trimestre in corso saranno seguite altrettanto attentamente: il mercato stima attualmente un fatturato del trimestre che si chiude ad aprile pari a 22,2 miliardi di dollari, con un utile per azione di 5,02 dollari. Ciò rappresenterebbe una crescita rispettivamente del 208% e del 361% rispetto a un anno fa.

Ore 15:15 – Future WS deboli

Piazza Affari conferma l’intonazione positiva della mattinata, con il resto d’Europa in ordine sparso, mentre i future di Wall Street trattano sotto la parità.

Il Ftse Mib segna +0,7% beneficiando anche di alcune raccomandazioni di Borsa, con Iveco, Mps e Mediobanca in cima al listino con rialzi nell’ordine del 4%. Giornata debole invece per le utilities con Snam -0,9% fanalino di coda.

Seduta tranquilla sull’obbligazionario con lo spread Btp Bund a 10 anni poco mosso sotto 150 punti.

Ore 13:25 – Iveco +5%, upgrade di Bofa

Gl8 analisti di Bofa hanno alzato il giudizio su Iveco (+5,03% a 11,065) da neutral a buy, con prezzo obiettivo che passa da 8,60 a 20 euro. “Il track record che il management ha iniziato a sviluppare ci dà maggior fiducia sugli obiettivi 2024”, scrive nel report Bank of America.

La performance del titolo traina il rimbalzo di Piazza Affari con il Ftse Mib a +0,94%.

Ore 12:15 – Fincantieri +0,2%, jv negli Emirati

Fincantieri accelera dai minimi di giornata dopo che il gruppo ha siglato un term sheet con Edge, uno dei principali gruppi mondiali di tecnologia avanzata e difesa, per la creazione di una joint venture destinata a cogliere le opportunità della cantieristica navale a livello globale, con un focus sulla produzione di una vasta gamma di navi militari e una filiera produttiva con base negli Emirati Arabi Uniti dal valore stimato di 30 miliardi di euro.

La joint venture, basata ad Abu Dhabi, avrà diritti di prelazione per gli ordini non Nato, sfruttando in particolare l’attrattiva degli accordi G2G degli Emirati Arabi Uniti e dei pacchetti di finanziamento del credito all’esportazione, insieme a una serie di ordini strategici effettuati da alcuni selezionati Paesi membri della Nato.

Ore 11:45 – Mps +4%, nuovo target e speculazioni M&A

Mps oggi sotto i riflettori della Borsa. Il titolo segna +4,06% a 3,59 euro su ipotesi di un’accelerazione della vendita della partecipazione del Mef; inoltre Deutsche Bank ha alzato il target price sul titolo da 4,40 a 5,10 euro, confermando il buy.

Ore 11:00 – Mediobanca +3%, promossa da Ubs

Azioni Mediobanca in netto rialzo
(+3,29% a 12,24 euro) dopo che
Ubs ha alzato il rating sul titolo da neutral a buy, con prezzo obiettivo che passa da 13,10 a 14,10 euro. Il broker ha aumentato le stime sugli utili 2024-2026 del 5-7%.

Mercato vede taglio Fed più probabile a giugno

Si attendono questa sera le minute del Fomc relative alla riunione della Federal Reserve del 30-31 gennaio. Da tempo il mercato ha spostato le attese su un primo taglio Fed da marzo a maggio, seppure con una probabilità limitata al 35%, mentre solo a giugno le probabilità di una riduzione del costo del denaro superano il 50%.

A proposito delle minute in pubblicazione, Unicredit Research ricorda che nell’ultimo meeting “il Fomc ha lasciato l’intervallo obiettivo per il tasso sui Federal funds al 5,25-5,5% e ha formalmente abbandonato l’orientamento restrittivo. Gli investitori esamineranno i verbali alla ricerca di indizi su ciò che il Comitato si aspetta di vedere prima di poter procedere con un taglio dei tassi”.

Ore 9:50 – Maire Tecnimont +2,5%, nuova commessa Eni

Maire Tecnimont +2,48% a 4,958 euro. Il gruppo tramite la controllata KT-Kinetics Technology si è aggiudicato un contratto Epc per la realizzazione di un impianto per la produzione di idrogeno nella raffineria Eni di Livorno. Il valore complessivo del contratto è pari a 123 milioni. “Riteniamo che la notizia sia marginalmente positiva per il titolo in quanto: il progetto è relativo a un impianto inserito in progetti di decarbonizzazione delle industrie Hard-to-Abate che rappresentano una quota significativa della crescita futura di Maire; il contratto rappresenta il 3% della raccolta ordini stimata nel 2024”, commentano a Equita Sim, che conferma la raccomandazione buy e un prezzo obiettivo di 6 euro sul titolo. “Riteniamo che Maire sia ben posizionata nelle tecnologie a supporto della decarbonizzazione – negli ultimi mesi ha comunicato una serie di contratti che migliorano la visibilità della pipeline in questo segmento di mercato”.

Per Banca Akros, che su Maire Tecnimont ha una raccomandazione buy con target a 5,6 euro, il contratto conferma che la societa’ può far leva sul suo know-how e sulle sue tecnologie nell’ambito della transizione energetica.

Ore 9:30 – Ftse Mib +0,32% a 31.803 punti

A Piazza Affari il tema è quello del rimbalzo, con le azioni Iveco che recuperano circa +5% dopo le ripetute vendite dei giorni scorsi.

In luce anche i finanziari con Mediobanca sopra il 2%, Unicredit e Bper in progresso di oltre un punto percentuale.

In fondo le utilities con Hera a -1%, ma anche Leonardo -0,9%.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, Maire Tecnimont si è aggiudicata un contratto Epc da parte di Eni per la realizzazione di un impianto per la produzione di idrogeno nella raffineria Eni di Livorno. Il valore complessivo del contratto è di 123 milioni.

Enel ha informato ieri sera di avere lanciato con successo sul mercato europeo un bond non convertibile, subordinato ibrido perpetuo da 900 milioni con coupon 4,750%.

Possibili spunti su Poste mentre si prepara l’operazione di privatizzazione di una quota del gruppo, che fra un mese dovrà presentare il piano industriale aggiornato. Per la privatizzazione, sotto traccia, i grandi investitori si preparano a prendere posizione così come le banche per vari ruoli, partendo dagli advisor. Lo scrive il Messaggero precisando che il dossier, secondo quanto ricostruito da fonti di governo, è all’esame abche delle grandi casse di previdenza. L’operazione dovrebbe avere la struttura di un’offerta di vendita per privilegiare dipendenti, clienti e retail, ma è possibile sia prevista una tranche da collocare presso grandi investitori. In totale lo Stato dovrebbe sul mercato il 29,26% detenuto dal Mef conservando il 35% nei libri di Cdp.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Goldman Sachs hanno ritoccato il target price su Prosiebensat (partecipata da Mfe – Mediaset) da
6 aum 6,30 euro, confermando il rating sell.

Preapertura

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa o leggermente positiva, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere sopra la parità (Ftse Mib +0,08% a 31.701 punti). La Borsa italiana è stata tenuta a galla da un acuto di Diasorin, bene anche Unipol; sul fondo Iveco, Tim, Bper.

La giornata odierna sarà scandita dall’attesa per le minute della Fed, che saranno diffuse in serata. A mercati americani chiusi si conosceranno poi i risultati di Nvidia, ieri pesante, e cui viene attribuita particolare importanza, per il settore tecnologico e non solo, al punto che secondo diversi operatori dal titolo dipende il futuro sentiment dei mercati. Da inizio anno Nvidia, anche dopo i cali di ieri (fino a -7% intraday, per poi recuperare in parte), guadagna circa il 40%, mentre l’anno scorso il titolo ha triplicato il suo valore grazie alla domanda di chip per l’intelligenza artificiale. Si guarda ai risultati ma soprattutto alle previsioni del colosso tech per i mesi a venire.

I future Usa trattano stamattina deboli.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -0,26% a 38.262 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro si apprezza leggermente a 1,0800; il petrolio è poco mosso con il Brent a 82 dollari e il Wti a 77 dollari al barile.

Wall Street aveva chiuso ieri sera negativa: Dow Jones -0,17% a 38.563 punti, S&P 500 -0,60% a 4.975 punti , Nasdaq -0,92% a 15.630 punti.

Da oggi potete seguire le nostre news con gli ultimi aggiornamenti anche sul canale Telegram Finanza Report

Borsa italiana oggi 24-04-2024 — 08:45

Borsa italiana oggi: Stm, Eni, Recordati, Sanlorenzo

DIRETTA NEWS / Spunti da trimestrali, M&A e indicazioni analisti

continua la lettura
Telegram Finanza Report