Mer 08 Dicembre 2021 — 14:40

Borsa italiana oggi: Eni, Bf, Mediaset, Ovs, Intek



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi positiva, all’indomani di una seduta debole che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in calo (Ftse Mib -0,59% a 27.661 punti). La Borsa italiana è stata zavorrata dai realizzi su petroliferi e banche, in una giornata senza grandi spunti. Contrastata Wall Street.

L’agenda macro è scarna di dati rilevanti; previsto stamattina un discorso della presidente Bce Christine Lagarde; e nel pomeriggio due interventi della Fed (Waller e Clarida).

I future Usa trattano questa mattina in discreto rialzo.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un +0,50% a 29.745 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1350; il petrolio avanza con il Brent a 82 dollari e il Wti a 79 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera in ordine sparso: Dow Jones -0,17% a 35.870 punti, S&P 500 +0,34% a 4.704 punti, Nasdaq +0,45% a 15.993 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, fra le raccomandazioni dei broker, gli analisti di Barclays hanno promosso Eni direttamente da underweight a overweight, alzando il target price da 13 a 16 euro.

Al via una maxi alleanza strategica tra Bf – Bonifiche Ferraresi, Eni e Intesa Sanpaolo, che prevede l’ingresso nel capitale dei due nuovi partner (qui i dettagli).

Possibili spunti su Mediaset dopo che Vivendi si è impegnata a votare a favore della nuova struttura azionaria del gruppo di Cologno Monzese e darà istruzioni a Simon Fiduciaria per votare sullo stesso punto nell’assemblea Mediaset del prossimo 25 novembre. Inoltre, rispetto all’accordo di pace dello scorso maggio, il prezzo minimo a cui Vivendi potrà cedere le sue azioni Mediaset è stato limato e sarà uguale per le due categorie di azioni (A e B che ci saranno quando l’assemblea approverà la nuova struttura azionaria a doppia categoria).

Le vendite del terzo trimestre di Ovs (agosto-settembre-ottobre) sono state pari a 378 milioni, in crescita dell’11% rispetto allo stesso trimestre del 2019 e del 5% su quello del 2020. La cassa generata nel periodo è stata di 63 milioni, circa 45 milioni superiore a quella nel terzo trimestre del 2019, e di 10 milioni rispetto all’anno scorso La posizione finanziaria netta rettificata al 31 ottobre è stata di 255 milioni, in miglioramento di circa 100 milioni rispetto a quella di fine ottobre 2020, raggiungendo, con un trimestre di anticipo, quanto atteso per fine anno. La società procederà a rimborsare anticipatamente l’attuale linea bullet per complessivi 90 milioni.

Kme Mansfeld, società del gruppo Kme che fa capo a Intek Group, ha sottoscritto un accordo vincolante con Elcowire per la cessione del business wires (cavi). Valore dell’operazione 20 milioni, più il valore del magazzino metallo alla data del closing.

Da segnalare che Banca Popolare di Sondrio ha portato a termine con successo il collocamento presso investitori istituzionali di un bond subordinato Tier 2 con scadenza 25/02/2032, rimborsabile anticipatamente 5 anni prima della scadenza, per un ammontare pari a 300 milioni a fronte di richieste per oltre 400 milioni. L’obbligazione è stata emessa ad un prezzo pari a 100 e prevede una cedola annua del 3,875%.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura