Mer 28 Settembre 2022 — 01:45

Borsa italiana oggi: Stellantis, Ferrari, Unicredit, Eni, Seco



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa, alla ripartenza dopo il lungo ponte di Pasqua, mentre giovedì scorso i listini del Vecchio Continente avevano chiuso positivi sulla scia di indicazioni leggermente più accomodanti del previsto da parte della Bce. Anche la Borsa italiana aveva archiviato la seduta in rialzo (Ftse Mib +0,57% a 24.862 punti), concludendo la settimana breve con un bilancio positivo di circa +0,2%.

Sull’agenda macro da segnalare che ieri il Pil della Cina del primo trimestre 2022 è uscito a +4,8%, sopra attese per +4,4%. Intanto la Banca Mondiale ha ridotto le sue previsioni di crescita globale per quest’anno dal 4,1% al 3,2%

Pochi oggi i dati in agenda, fra cui licenze edilizie e nuovi cantieri residenziali negli Stati Uniti.

Il focus resta sulle prossime mosse delle banche centrali, mentre si avvicina la stretta programmata dalla Fed a maggio, per contrastare la fiammata dell’inflazione alimentata ora anche dalla guerra in Ucraina.

A Piazza Affari da segnalare oggi un corposo dividend day (vedi più sotto nell’articolo) con lo stacco di alcune importanti cedole.

I future Usa trattano questa mattina positivi, all’indomani di una seduta senza grandi spunti, mentre è in arrivo un’ondata di trimestrali.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un +0,69% a 26.985 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida 1,0770; il petrolio è poco mosso con il Brent a 113 dollari e il Wti a 108 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera poco mossa: Dow Jones -0,11% a 34.411 punti, S&P 500 -0,02% a 4.391 punti, Nasdaq -0,14% a 13.332 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, il rientro da weekend pasquale è consacrato allo stacco dei dividendi da parte di diverse big fra cui Stellantis il cui dividendo da 1,04 euro per azione incorpora un dividend yield di circa il 7,5% e sarà messo in pagamento il 29 aprile.

Sempre nella scuderia Agnelli staccano la cedola Ferrari (1,362 euro) e Cnh Industrial (0,28 euro).

Focus inoltre sulle banche con il dividendo 2022 Unicredit e la cedola di Banco Bpm, peraltro in entrambi i casi con un rendimento di circa il 6%.

Restando alle big del Ftse Mib staccano le cedole Banca Mediolanum, Campari e Prysmian; fuori dal listino principale tocca a Bff Bank, Maire Tecnimont, Piaggio.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno alzato ulteriormente il target price su Eni da 18,50 a 20 euro, confermando il rating overweight.

Fra le altre notizie su Borsa italiana oggi, da segnalare che Seco ha diffuso stamattina una guidance 2022 che prevede un fatturato pari a “circa 200 milioni”, in crescita del 78% rispetto al 2021, “con una crescita organica pari a circa il 43% ed una crescita like-for-like pari a circa il 38%”. Tale andamento, spiega il gruppo tecnologico, è legato ad una significativa crescita, trainata in particolare da settori quali l’Industriale, il Medicale, il Fitness, il Vending e i Trasporti, registrata nelle aree a più elevato potenziale tra cui l’Emea, l’Apac e gli Usa.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura