Mar 18 Gennaio 2022 — 08:31

Borsa italiana oggi: Generali, Webuild, Unieuro



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa

borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa, all’indomani di una seduta contrastata che ha visto Piazza Affari chiudere in moderato rialzo (Ftse Mib +0,47% a 27.844 punti). La Borsa italiana è stata sostenuta da nuovi acquisti su Iveco, bene anche Stellantis e Stm dopo i giudizi positivi dei broker, per lo più positive le banche.

L’agenda macro prevede alcuni dati fra cui le vendita al dettaglio Usa di dicembre; previsto anche un discorso (ore 14,30) della presidente Bce Christine Lagarde.

Negli Stati Uniti entra nel vivo la stagione delle trimestrali con i conti di alcune big bancarie: Jp Morgan, Citigroup e Wells Fargo.

I future Usa trattano questa in frazionale rialzo, all’indomani di una seduta decisamente negativa per i listini americani.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso oggi con un -1,28% a 28.124 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro consolida a 1,1460; il petrolio è poco mosso con il Brent a 84 dollari e il Wti a 82 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera negativa, appesantita da un’ondata di realizzi sui titoli tecnologici: Dow Jones -0,49% a 36.113 punti, S&P 500 -1,42% a 4.659 punti, Nasdaq -2,51% a 14.806 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, da seguire Generali dopo le dimissioni dal cda del vice presidente Francesco Gaetano Caltagirone. La mossa comunicata nella tarda serata di ieri s’inserisce nella battaglia per il rinnovo dei vertici all’assemblea di aprile; il patto che riunisce Caltagirone, Leonardo Del Vecchio e Fondazione Crt ha superato il 16% della compagnia sfidando il primo socio Mediobanca. In una lettera l’imprenditore ha motivato la propria decisione richiamando un quadro nel quale la sua persona sarebbe “palesemente osteggiata, impedita dal dare il proprio contributo critico e ad assicurare un controllo adeguato”. Il presidente Galateri di Genola ha espresso “rammarico” pur evidenziando che le motivazioni addotte non possono che essere categoricamente respinte”.

Da segnalare che Fitch ha assegnato a Iveco Group un rating finale di lungo periodo pari a BBB-. L’outlook è stabile. Si tratta della stessa valutazione assegnata dall’agenzia a dicembre prima della conclusione dell’operazione di scissione da Cnh Industrial.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno alzato il target price su Eni da 18 a 19 euro, confermando il rating overweight.

Webuild ha archiviato il 2021 con un record di nuovi ordini acquisiti ed in corso di finalizzazione nell’anno a circa 10,8 miliardi. La posizione finanziaria netta vede una cassa netta positiva per 100-200 milioni, in miglioramento di circa 540-640 milioni rispetto al 31 dicembre 2020 e di 500-600 milioni rispetto al mid-point della guidance 2021″, risultato record dal 2014, anno di costituzione di Salini Impregilo. L’indebitamento lordo è di 2,6-2,7 miliardi, in calo di 860-960 milioni rispetto al 31 dicembre 2020.

Unieuro ha diffuso i risultati dei primi nove mesi dell’esercizio 2021-2022 chiuso con ricavi a 2,15 miliardi (+14%) grazie aò recupero del canale Retail e la sostanziale stabilità delle vendite online. Ebit di 56,5 milioni da 32,2 milioni, un risultato ante imposte di 46,9 milioni da 22,3 milioni e Free Cash Flow di 73,9 milioni da 57,3 milioni; la cassa netta si è attestata a quota 170 milioni al 30 novembre 2021, in aumento di 15,2 milioni rispetto all’inizio dell’esercizio. Alzata leggermente la guidance sui ricavi che si stimano superiori a 2,9 miliardi rispetto all’intervallo di 2,8-2,9 miliardi previsto in precedenza.

castagna banco bpm 17-01-2022 — 09:42

Castagna (Banco Bpm) cauto su terzo polo. Novità su caso diamanti

La sfida alle big del mercato non è “solo questione di dimensioni”. Per la vicenda delle pietre preziose transazioni quasi del tutto completate

continua la lettura