Mer 28 Settembre 2022 — 01:17

Borsa italiana oggi: Eni, Mps, Ferrari



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi negativa

Borsa italiana oggi

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi nuovamente negativa, all’indomani di una seduta pesante che ha visto Piazza Affari chiudere a sua volta in forte calo (Ftse Mib -2,47% a 21.293 punti), peraltro peggiore del Vecchio Continente. La Borsa italiana è stata zavorrata da realizzi sulle banche dopo gli avvertimenti della Bce su recessione e dividendi; giù anche auto e industriali; in controtendenza, marginalmente positivi, Moncler e alcuni titoli healthcare.

Il Ftse Mib ha archiviato il mese di giugno, segnato dagli annunci di Fed e Bce, con una flessione del 13,5%, mentre il bilancio del semestre è un -22,1%.

Fra i dati macro, particolarmente monitorati alla luce della stretta avviata dalle banche centrali, in evidenza oggi una carrellata di Pmi manifatturieri e l’inflazione di giugno in Eurozona (consensus +8,4% da 8,1% di maggio).

I future Usa trattano questa mattina negativi.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso con un -1,73% a 25.935 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro è debole a 1,0450; il petrolio consolida con il Brent a 108 dollari e il Wti a 105 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera negativa: Dow Jones -0,82% a 30.775 punti, S&P 500 -0,88% a 3.785 punti, Nasdaq -1,33% a 11.028 punti.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, fra le raccomandazioni dei broker, gli analisti di Jefferies in un report sul comparto petrolifero hanno alzato il prezzo obiettivo su Eni da 17 a 18 euro confermando il giudizio buy.

Le banche restano sorvegliate speciali all’indomani di una seduta di forti realizzi dopo alcune dichiarazioni del capo della Vigilanza Bce, Andrea Enria, che ha ammesso i rischi di recessione, mettendo in guardia le banche europee su possibili limitazioni ai dividendi. Intanto Mps, ieri protagonista suo malgrado di ennesimi minimi storici, ha diffuso il consueto aggiornamento mensile sull’aumento di capitale, tuttavia senza novità rispetto a quanto annunciato il 23 giugno scorso con riferimento al piano industriale 2022-2026. Dal giorno della presentazione del piano il titolo ha ceduto il 21,9% mentre il mese di giugno per la banca senese si è chiuso a circa -30%. Attesa per gli incontri del ceo Lovaglio con gli investitori.

Da segnalare che Ferrari, secondo quanto comunicato da Maranello, avvierà oggi una prima tranche da 150 milioni del nuovo programma di buyback da 2 miliardi di euro da eseguirsi entro il 2026 in linea con le informazioni fornite durante il Capital Markets Day. Nel dettaglio, la prima tranche comincerà il 1 luglio 2022 e terminerà entro il 30 novembre 2022.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura