Mar 10 Dicembre 2019 — 15:34

Borsa italiana: chiusura negativa, ma settimana sugli scudi. In luce Cnh, giù Atlantia e Banco Bpm



Anche il Btp frena la sua corsa. L’euro scende sotto quota 1,10 contro il dollaro, realizzi sul petrolio

borsa italiana oggi milano ftse mib

Piazza Affari consolida dopo i rialzi delle ultime sedute, anche se il bilancio della settimana è decisamente positivo. Sulla Borsa italiana oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,35% a 21.322 punti, in controtendenza però rispetto al resto d’Europa e con Wall Street contrastata a metà seduta. I listini milanesi hanno cambiato direzione nel pomeriggio dopo che il leader del M5s Di Maio, incontrando il premier incaricato Conte, ha avvertito i neo alleati del Pd che se i punti proposti dal suo partito non saranno presi alla lettera, allora sarà meglio tornare alle urne “il prima possibile”.

Il bilancio della settimana comunque è un rimbalzo del 4,1%, mentre un turbolento mese di agosto va in archivio con un -0,35%. Da inizio anno si registra un progresso di oltre il 16%.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna oggi 171 punti da 167 di ieri, con il rendimento del decennale italiano all’1%.

Sul forex, l’euro cede altro terreno e perde la soglia di 1,10 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 60 dollari e il Wti a 54 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: bene Prysmian, Cnh, Unicredit, Telecom

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in luce Cnh +5%, beneficiando sia delle attese di uno spin-off di Iveco, che potrebbe essere annunciato al Capital Markets Day martedì prossimo, sia della tregua nella guerra commerciale Usa-Cina.

I realizzi prendono invece di mira le banche con Banco Bpm -3,35%, Ubi -2,8%, Unicredit -1,1%, Intesa Sanpaolo -1%, fra le altre, fuori dal Ftse Mib Banca Mps -4,9% in una giornata volatile che ha anche visto il titolo sospeso per eccesso di rialzo, dopo il +13% di ieri.

Prosegue inoltre la debolezza di Atlantia -2,2% in scia all’incertezza sulla revoca della concessione ad Autostrade.

Spunti sull’auto con Fca e Pirelli a +0,8%.

Acquisti su Buzzi +1,1%, Amplifon +1,6%.

Consolidano le utilities con la big Enel a -0,57% finale, un po’ meglio Italgas -0,1%.

Telecom (Tim) termina sulla parità sopra i 48 centesimi.

Petroliferi in ordine sparso: Eni +0,5%, Saipem -0,5%, Tenaris -0,6%.

deutsche bank italia 10-12-2019 — 12:19

Deutsche Bank, la Bce lima i requisiti patrimoniali. Avanti con il piano

Intanto nel corso di un Investor Day la banca ha ribadito gli obiettivi di taglio dei costi, confermato anche il target di redditività ma pesano i tassi d’interesse

continua la lettura