Mar 17 Settembre 2019 — 22:07

Borsa, a Milano chiusura negativa (Ftse Mib -0,14%). Bene Ferragamo, Stm, A2a



Piazza Affari termina oggi debole in controtendenza con il resto d’Europa. Spread sopra 280

News di Borsa italiana oggi Milano ftse Mib

La Borsa italiana chiude oggi negativa uan seduta segnata ancora dalle trimestrali, dalle tensioni Usa-Cina sui dazi e da una nuova avanzata dello spread. A Milano il Ftse Mib segna in chiusura -0,14% a 20.863 punti, con il resto d’Europa sopra la parità. Bene a metà giornata anche Wall Street. Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni supera i 280 punti.

Sul forex, l’euro è debole intorno a quota 1,12 contro il dollaro; il petrolio tenta un recupero con il Brent a 71 dollari e il Wti a 61 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: sul Ftse Mib bene Ferragamo, giù le banche

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib spicca la performance di Salvatore Ferragamo +9,85% dopo i conti del primo trimestre e i report degli analisti che puntano a una ripresa del titolo del lusso.

Stm +3,3% beneficia delle promozioni degli analisti all’indomani del capital Markets Day a Londra.

In evidenza anche le azioni A2a +2,9% dopo una trimestrale in calo ma sopra attese. Pirelli segna a sua volta +2,9%, recupero per Fca +1,5% dopo che gli Usa hanno rinviato di 6 mesi l’introduzione di dazi auto.

Fra gli altri titoli, Recordati +2,4% con Jefferies che ha alzato il target price da 33,80 a 38 euro, confermando la raccomandazione buy. Campari debole
-0,3% anche se Ubs ha alzato il prezzo obiettivo da 7,70 a 9,30 euro confermando il rating neutral.

In affanno le banche che scontano il nuovo allargamento dello spread, con Ubi -2,8%, Mps -2,6%, Bper -1,7%.

Vendite anche su Intesa Sanpaolo -0,8% mentre Unicredit -0,6% prova a limitare i danni dopo la smentita ufficiale di una possibile offerta per Commerzbank. In controtendenza oggi Banco Bpm +0,6%.

Carige assemblea Malacalza 17-09-2019 — 10:24

Carige: in campo Malacalza, raggiunto quorum assemblea

Ora il voto appeso alla scelta del principale azionista: basterebbe la sua astensione a far saltare il piano

continua la lettura