Gio 21 Novembre 2019 — 02:56

Borsa italiana, chiusura piatta. In luce Pirelli, scivola Fineco



Piazza Affari consolida dopo il +3,5% messo a segno nella scorsa ottava

Borsa Italiana oggi news

La Borsa italiana chiude oggi poco mossa, al termine di una seduta di consolidamento che fa seguito al +3,5% messo a segno nella scorsa ottava. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,04% a 21.976 punti, migliore d’Europa e con Wall Street a sua volta negativa. Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni si amplia sopra quota 210 punti.

Sul forex, l’euro si conferma debole in area 1,1210 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno con il Brent a circa 65 dollari e il Wti a 58 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: sul Ftse Mib bene Juventus e Pirelli, in fondo Fineco

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib torna a mettersi in luce Pirelli +3% dopo la promozione di Jp Morgan che ha alzato la raccomandazione sul titolo da neutral a overweight e il target price da 6,60 a 8 euro, guardando soprattutto alla crescita del segmento di pneumatici High value.

Bene Juventus +2,45%, vicina ad un accordo tra 65 e 75 milioni per l’acquisto dall’Ajax del top player De Ligt, che siglerebbe con i bianconeri un contratto di 5 anni per 12 milioni a stagione.

In fondo al Ftse Mib realizzi invece su Fineco in calo del -3,6%: a mercato chiuso Unicredit ha annunciato il collocamento accelerato del 18,3% residuo della ex controllata.

In rosso la stessa Unicredit -1,7%, peraltro accostata da indiscrezioni al possibile salvataggio di Carige a 1 euro.

Vendite su Banco Bpm-2,5%, debole nel comparto anche Intesa Sanpaolo -0,7%, mentre non si ferma il rimbalzo di Mps +3,7% a 1,62 euro benché sotto i massimi di giornata.

Tenaris +2,2% migliore tra petroliferi con Saipem +1,7%, Eni +0,7%.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura