Dom 21 Luglio 2019 — 11:57

Borsa italiana: chiusura in buon rialzo su attese Fed. Bene Saipem, Fineco, Unipol, Mps



Il mercato torna a scommettere su un imminente taglio dei tassi americani, ma solo Milano termina positiva in Europa. Bene anche lo spread

borsa italiana milano ftse mib oggi

La Borsa italiana chiude oggi in buon rialzo, approfittando anche delle indicazioni da “colomba” del presidente della Fed Powell, che in un’attesa deposizione al Congresso ha confermato che la banca centrale “agirà come appropriato” per sostenere l’economia Usa alle prese con diverse “correnti contrarie”. Il mercato torna quindi a scommettere su un imminente taglio dei tassi. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,73% a 22.044 punti, in controtendenza con il resto d’Europa. Bene Wall Street. Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni migliora terminando poco sopra i 200 punti. Il Tesoro intanto ha collocato 6,5 miliardi di Bot a 1 anno spuntando un tasso in calo di 13 punti base a -0,061%.

Sul forex, l’euro tenta un recupero sopra 1,12 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno con il Brent a 66 dollari e il Wti a 60 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: sul Ftse Mib bene Saipem e le banche

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in luce Saipem +3,4% che rimbalza grazie alla maxi commessa in Arabia Saudita.

Fra gli altri petroliferi Tenaris +1,5%, Eni +1,1%.

In luce le banche che riprendono a salire grazie al calo dello spread e alla forte domanda di Btp, con Mps che brilla a +5,4%.

Bene anche Creval +2,3% e Ubi +1,5%, con le big Intesa Sanpaolo a +1,2% e Unicredit a +0,7%.

Fineco, da ieri “public company” dopo la definitiva uscita di capitale di Unicredit, rimbalza con un +2%. Stesso rialzo per Unipol, mentre Nexi termina a +1,8%.

In rialzo oggi anche Stm +1,3%, così come Atlantia, mentre in fondo al listino principale i realizzi prendono di mira Azimut -0,7%.

pirelli tronchetti provera 19-07-2019 — 11:05

Pirelli, Tronchetti Provera alla guida fino al 2023

Verso il rinnovo dei patti con ChemChina, sarebbe inoltre vicina l’attesa integrazione tra Prometeon e la cinese Aeolus nei pneumatici industriali

continua la lettura