Mar 10 Dicembre 2019 — 15:34

Borsa italiana, chiusura debole (Ftse Mib -0,26%). In luce Nexi e Ferragamo, giù Juventus e banche



Piazza Affari termina oggi marginalmente negativa, consolidando dopo la buona partenza della settimana. Il mercato resta comunque moderatamente ottimista su un possibile accordo Usa-Cina

Borsa milano

Piazza Affari termina oggi marginalmente negativa, consolidando dopo la buona partenza della settimana. Il mood degli operatori resta comunque moderatamente ottimista su un possibile accordo Usa-Cina che formalizzi una tregua nella guerra commerciale. Sulla Borsa italiana il Ftse Mib segna in chiusura -0,26% a 23.485 punti, con il resto d’Europa in ordine sparso e Wall Street nuovamente positiva.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 158 punti da 155 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del titolo italiano all’1,20%.

Sul forex, l’euro è debole appena sopra 1,10 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 63 dollari e il Wti a 57 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: in evidenza Nexi e Ferragamo, giù Juventus in vista dell’aumento

Tornando alla Borsa di Milano, sul Ftse Mib proseguono gli acquisti sul lusso con Salvatore Ferragamo a +2,9%, sale ancora Moncler +0,3%.

Svetta però Nexi, nel mirino delle ricoperture con un +3,5%.

In fondo al listino invece Juventus -2,46% dopo che il cda ha esercitato la delega sull’aumento di capitale.

Bene Amplifon +2% con gli analisti di Commerzbank che alzano il target da 20 a 22 euro confermando però un rating hold.

Buzzi +0,9% con Kepler Cheuvreux che conferma il buy e alza il prezzo obiettivo da 25 a 25,50 euro.

Petroliferi negativi con Saipem -0,2%, anche se Hsbc ha ritoccato il target price da 5,15 a 5,20 euro, confermando la raccomandazione buy, Eni -0,3%, Tenaris -0,8%.

Generali poco mossa mentre Ubs alza il target da 15,50 a 17,70 euro confermando il rating neutral.

Banche nel mirino dei realizzi con Banco Bpm e Ubi -1,7%, Unicredit -0,5%, Intesa Sanpaolo -0,6%, in controtendenza Mps +0,7% con rumors di mercato secondo cui la potenziale futura uscita del Tesoro avrebbe iniziato ad attirare l’interesse di fondi di private equity.

Debole Diasorin -0,5%, su cui gli analisti di Berenberg hanno tagliato la raccomandazione da buy a hold e alzato leggermente il prezzo obiettivo da 116 a 118 euro (comunque al di sotto degli attuali corsi azionari).

deutsche bank italia 10-12-2019 — 12:19

Deutsche Bank, la Bce lima i requisiti patrimoniali. Avanti con il piano

Intanto nel corso di un Investor Day la banca ha ribadito gli obiettivi di taglio dei costi, confermato anche il target di redditività ma pesano i tassi d’interesse

continua la lettura