Lun 09 Dicembre 2019 — 09:52

Borsa italiana affonda con l’Europa, pesano dazi e spread



Il Ftse Mib termina tutto in rosso: solo Juventus limita i danni, mentre fuori dal listino principale brilla Cir

borsa italiana

Piazza Affari termina in profondo rosso assieme agli altri listini internazionali. Ad accendere la miccia dei realizzi sono stati a metà giornata alcuni commenti via Twitter del presidente americano Trump, che ha minacciato nuovi dazi su acciaio e alluminio importati negli Stati Uniti da Brasile e Argentina. Un argomento, quello della guerra commerciale, sempre al centro dell’attenzione degli operatori, che già attendono gli esiti del lungo negoziato Usa-Cina. Sulla Borsa italiana il Ftse Mib segna in chiusura -2,28% a 22.728 punti, in linea con il resto d’Europa e l’andamento negativo di Wall Street.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 163 punti da 159 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del titolo italiano all’1,35%.

Sul forex, l’euro guadagna terreno in area 1,1070 contro il dollaro; il petrolio rimbalza con il Brent a 61 dollari e il Wti a 56 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: Ftse Mib tutto in rosso

Tornando alla Borsa di Milano, sul Ftse Mib le vendite sono diffuse e risparmiano in parte pochi titoli fra cui Juventus -0,5% “migliore” del listino principale, Mediobanca e Ubi -0,9%.

Prova a contenere i danni anche Fiat Chrysler (Fca) -0,9%, sostenuta dall’accordo preliminare firmato negli Usa con il sindacato.

Il balzo dei rendimenti dei titoli di Stato penalizza le utilities, con Italgas e A2a in calo di oltre il 4%, Enel -3,7%, fra le altre.

Fanalino di coda è però Recordati -5%. Sotto pressione anche Leonardo -4,3%, nonostante una nuova commessa di elicotteri negli Usa.

Fra le banche Intesa Sanpaolo -1,3%, Unicredit -1,5% dopo il riassetto in Turchia e alla vigilia del nuovo piano.

Giù Banco Bpm -1,9%, Mps -3% dopo che la Commissione Ue avrebbe bocciato il piano del Tesoro sugli Npl.

I petroliferi non approfittano del recupero del greggio con Saipem -1,7%, Tenaris -1,8%, Eni -1%.

In spolvero invece il comparto editoriale con il cda di Cir +12,2% che si appresta a cedere Gedi (sospeso) a Exor -2%.

borsa italiana oggi 09-12-2019 — 08:13

Borsa italiana oggi: Unicredit, Mps, Mediaset

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi marginalmente negativa

continua la lettura