Mer 02 Dicembre 2020 — 17:22

Borsa, a Milano il rimbalzo non si ferma: bene Fineco e Bper



Piazza Affari dopo una partenza cauta chiude anche oggi in rialzo, proseguendo così la scia positiva innescata dai continui progressi sul fronte del vaccino anti-Covid

Borsa italiana oggi

La Borsa italiana dopo una partenza cauta chiude anche oggi in rialzo, proseguendo così la scia positiva innescata dai continui progressi sul fronte del vaccino anti-Covid. Già ieri i listini erano saliti dopo che il vaccino americano Moderna è risultato efficace al 94,5%. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +0,88% a 21.622 punti, migliore d’Europa, mentre Wall Street scambia a sua volta sopra la parità.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 121 da 120 punti base della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,65%.

Sul forex, l’euro consolida a 1,1870 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno con il Brent a 44 dollari e il Wti a 42 dollari al barile.

Borsa Milano, oggi in evidenza i finanziari

Sulla Borsa di Milano si mettono in luce le azioni Fineco con uno spunto di oltre il 2%.

Sempre tra i finanziari Azimut +2,7% e Nexi +3,15%.

Banche osservate speciali dopo un approfondito report di Goldman Sachs sul settore, in cui fra l’altro Intesa Sanpaolo (+1,3%) viene promossa a buy, mentre Unicredit (+0,9%) resta il titolo preferito; rivisti inoltre i target su Banco Bpm (+1,45%), Mps (+0,8%) e Bper (+6,1%), quest’ultima oggi impegnata anche nel collocamento di un bond subordinato a 10 anni.

Fra le altre raccomandazioni di Borsa, Ubs ha promosso Poste Italiane (+1,1%) da neutral a buy, alzando il prezzo obiettivo da 8,40 a 10,80 euro.

I petroliferi vedono Eni a +1,3%, Saipem -0,1%, Tenaris +1,2%.

Utilities in ordine sparso con Enel poco sopra la parità.

Nuovi acquisti per Leonardo +1,2%, fanalino di coda del listino principale Diasorin -2%, debole inoltre Campari a -0,8%.

azioni Eni 02-12-2020 — 11:39

Azioni Eni, analisti Jp Morgan alzano target price ma restano cauti

Per il broker la ripresa della domanda sarà probabilmente irregolare, ma un “super ciclo” per il settore è all’orizzonte

continua la lettura