Mer 08 Dicembre 2021 — 13:27

Unicredit Foundation dona 2 milioni di pasti ai bisognosi



Deliberata oggi l’erogazione di 2,7 milioni a sostegno di alcune organizzazioni impegnate sull’intero territorio nazionale nella distribuzione di cibo a tutti coloro che versano in stato di grave difficoltà

unicredit foundation

Essere sempre al fianco degli individui e delle famiglie in difficoltà a seguito della pandemia. Con questo obiettivo UniCredit Foundation ha deliberato oggi l’erogazione di 2,7 milioni di euro a sostegno di alcune organizzazioni impegnate sull’intero territorio nazionale nella distribuzione di cibo a tutti coloro che versano in stato di grave difficoltà.

Grazie alla donazione, 16 organizzazioni attive sull’intero territorio nazionale, segnalate dalle strutture territoriali in cui opera la banca, potranno erogare 2 milioni di pasti gratuiti, intervenendo in modo diffuso e mirato a favore di coloro che vivono in condizioni di rilevante difficoltà economica.

“Con questa iniziativa UniCredit Foundation, che non esaurisce il proprio impegno in questo ambito, ha deciso di confermare il proprio aiuto ai soggetti più colpiti e di sostenere alcune di quelle organizzazioni che in questo anno e mezzo si sono prodigate a supportare chi si è trovato in condizione di grave necessità”, sottolinea in una nota Maurizio Beretta, presidente di UniCredit Foundation.

Le organizzazioni selezionate sono: Damamar Torino; Sant’Egidio Genova – Nord Ovest; Banco Alimentare Lombardia – Lombardia; Banco Alimentare Friuli Venezia Giulia, Ronda della Carità Verona, Caritas Venezia, CSV Rovigo – Nord Est; Banco Alimentare Umbria, Banco Alimentare Emilia Romagna, Banco Alimentare Toscana; Banco Alimentare Marche – Centro Nord; Comunità di S. Egidio Roma – Centro; Associazione Padre Elia Alleva, Banco Alimentare Puglia – Sud; Banco Alimentare Sicilia – Catania, Caritas Diocesiana Palermo – Sicilia.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura