Ven 18 Gennaio 2019 — 01:32

Pensioni, al via con Intesa Sanpaolo l’Ape volontaria



E’ il primo istituto a finanziare il prestito. Si sblocca l’iter per fare domanda sul sito Inps

Si sblocca l’iter per fare domanda per ottenere l’Ape volontaria. Intesa Sanpaolo ha annunciato in una nota che finanzierà il prestito a garanzia pensionistica che permette di uscire a 63 anni dal mondo del lavoro avendo una disponibilità finanziaria in attesa della pensione.

Intesa Sanpaolo è infatti la prima banca a finanziare le richieste di questo tipo. Da oggi quindi si potranno fare le domande sul sito dell’Inps.

La banca ha ricordato alcune istruzioni su come ottenre l’Ape volonatrai e soprattutto su come funziona. “Il finanziamento – spiegano a Intesa Sp – si configura come un reddito ponte con una durata massima di 43 mesi, che Intesa Sanpaolo verserà al richiedente fino a quando non inizierà a percepire la pensione di vecchiaia. L’importo mensile viene stabilito dal richiedente in funzione di quella che sarà la sua futura pensione. Il tasso, fisso dal momento dell’erogazione, è uguale per tutto il sistema bancario: è regolamentato dall’accordo quadro e viene aggiornato ogni due mesi dall’Abi. L’Ape prevede una detrazione fiscale fino al 50% della quota interessi e della copertura assicurativa. Quest’ultima è obbligatoria e viene prestata da una Compagnia terza tutelando gli eredi in caso di premorienza. La durata del prestito è fissata in 20 anni, ma è possibile richiederne l’estinzione anticipata parziale o totale”.

L’Inps ha accolto quasi 7.000 domande di certificazione e tra queste circa 5.000 possono aver accesso agli arretrati (ma devono presentare richiesta di Ape entro il 18 aprile).

Mps 17-01-2019 — 10:06

Mps, ipotesi Sga su Npl. E per il risiko spunta Bper

La bad bank del Tesoro potrebbe acquisire gli Npl riducendo le necessità di capitale e creando le condizioni per un’aggregazione, ma sono ancora molti i nodi da risolvere

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione

Oggi in Borsa: Mediobanca, Generali, Intesa Sp, Unicredit, Poste, S.Ferragamo, Ferrari, Snam, Stm, Saipem, Nice

Eni avvia fase 2 nel più grande giacimento di gas in Libia

Borse tutte in rosso con il petrolio

Schroders: la Bce dovrà fare di più

Svolta Bce: prolunga ma taglia gli acquisti

Borsa, Milano centra un maxi rimbalzo

Juventus: Banca Imi alza a buy, “prosegue effetto Ronaldo”

Pop. Vicenza dà credito alla Liguria