Mar 18 Gennaio 2022 — 07:45

L’importanza di prendersi cura delle proprie finanze personali



L’errore più grave è quello di investire in maniera errata rispetto agli obiettivi e in modo non adeguato relativamente al profilo di rischio. Il secondo errore è quello di scegliere strumenti di investimento sbagliati, pieni di costi e non efficienti

finanza personale

Quanto è importante curarsi della propria finanza personale?

In un’indagine condotta da HSBC’s insurance UK, il 74% degli adulti britannici che hanno fatto ricorso ad una consulenza finanziaria personalizzata ha dimostrato di avere una salute mentale superiore alla media. E alla domanda su come si sentissero coloro che invece non ne hanno usufruito, il 42% delle persone ha affermato di percepire la propria salute mentale al di sotto della media.

Preoccuparci per i soldi non fa per nulla bene. Se non vogliamo continuare a star male, la soluzione migliore è quella di iniziare a prenderci cura delle risorse personali.

Noi di IoInvesto vogliamo lasciarti 4 semplici consigli per iniziare fin da subito a far star bene il tuo portafoglio e così anche te stesso.

Inizia a risparmiare

Il consiglio numero uno è di iniziare a risparmiare.

Sì, i soldi devono anche essere spesi ed usati per soddisfare piccoli o grandi desideri, certo. Tuttavia, se vogliamo avere soldi da spendere domani, è bene iniziare a risparmiare fin da oggi.

Quanto risparmiare?

Basta con la storia della percentuale che decresce o aumenta in base all’età: cerca di risparmiare mensilmente almeno il 20% del tuo budget. Se hai obiettivi a più breve termine, incrementa. È come con una dieta sana, qualche piccolo sacrificio ogni tanto consente di avere una lunga vita, anche finanziaria.

Se vuoi imparare a risparmiare, in base al tuo orizzonte temporale, ti consigliamo di diventare un investitore consapevole.

Imparerai a conoscere i diversi strumenti finanziari e a costruire il tuo portafoglio di investimento.

Crea un conto d’emergenza

Tantissimi investitori rovinano i loro investimenti, solamente perché non hanno previsto un conto d’emergenza. Investono, pagano le commissioni sui prodotti, per poi dover disinvestire dopo nemmeno un anno,  perdendo anche su eventuali investimenti maturati.

Cosa ben peggiore è l’ignoranza sul prodotto in cui stavano investendo.

Abbiamo visto patrimoni rovinati dai premi delle polizze e dalla contemporanea necessità di dover riscattare quel capitale.

Prima di dover incorrere in inutili costi, e tasse, investi con giudizio e progetta un conto d’emergenza che possa durare da qui a 12 mesi. In questo modo, di fronte a eventuali imprevisti, guasti e altre spese non preventivate in bilancio, non dovrai ricorrere ai tuoi risparmi o, ancor peggio, disinvestire.

O, il male dei mali in ottica di gestione di finanza personale: indebitarti!

Debito buono e debito cattivo nella finanza personale

Indebitarsi non fa mai bene, per questo in finanza personale si sconsiglia sempre di dover ricorrere ai debiti. I debiti sono i mutui, ma anche i finanziamenti a breve termine e pure la tua carta di credito.

Si può però distinguere tra due principali tipi di debito.

Esiste un debito buono, che è relativo a beni che mantengono o, meglio, accrescono il loro valore: la formazione, ad esempio, oppure la casa.

Ma esiste anche un debito cattivo che, invece, è quello di cui ci carichiamo per comprare prodotti che non servono o che perdono il loro valore.

Per la verità, esiste anche una terza via. Si tratta di rapporti di debito aperti per comprare oggetti che non hanno un valore in sé per sé, ma facilitano il nostro lavoro e fanno aumentare la nostra produttività, aumentando così, infine, i nostri profitti.

Impara a distinguerli e sarai finalmente ad un passo dalla tua indipendenza finanziaria.

Risparmia, ma poi investi

Se non vogliamo finire come gli inglesi e ci teniamo alla nostra salute mentale, il passo successivo è quello di iniziare ad investire. E ancora di più se seguiamo ognuna delle buone pratiche suddette.

Se non sai come e da dove iniziare a investire, non preoccuparti.

Noi abbiamo previsto una formazione completa e puoi scegliere la soluzione più adatta in base al tuo livello di conoscenza.

Infatti, l’errore più grave è quello di investire in maniera errata rispetto agli obiettivi e in modo non adeguato relativamente al profilo di rischio. Il secondo errore è quello di scegliere strumenti di investimento sbagliati, pieni di costi e non efficienti.

Se vuoi stare bene, è ora di prenderti cura delle tue finanze personali.

castagna banco bpm 17-01-2022 — 09:42

Castagna (Banco Bpm) cauto su terzo polo. Novità su caso diamanti

La sfida alle big del mercato non è “solo questione di dimensioni”. Per la vicenda delle pietre preziose transazioni quasi del tutto completate

continua la lettura