Mer 29 Giugno 2022 — 00:33

Gli Emirati Arabi si distinguono al Forum Economico Mondiale (WEF)



Funzionari governativi e leader del settore privato al meeting per presentare la propria agenda e definire le partnership in linea con le nuove sfide mondiali

Il Forum Economico Mondiale (WEF) che si svolge a Davos accoglie ad ogni appuntamento i più illustri Personaggi della Scena Politica del pianeta. Così, non poteva mancare una delegazione di alto livello degli Emirati Arabi Uniti, Paesi che in pochissimi anni dalla loro nascita hanno saputo raggiungere gli apici più influenti per il panorama economico globale.

Ecco, dunque, che funzionari governativi e leader del settore privato si sono recati al meeting per prendere parte all’evento e presentare le direzioni future che gli EAU stanno prendendo in settori vitali e, soprattutto, definire le partnership in linea con le nuove sfide mondiali.

Oltre alle Autorità emiratine, presenziano all’incontro oltre 2.000 leader e funzionari governatici, scienziati, personalità di spicco del settore privato e accademiche degne di nota. Tutti si sono riuniti in nome del tema “La storia a un punto di svolta: politiche governative e st5rategie imprenditoriali”.

Il Forum Economico Mondiale è il principale spazio che permette di concentrarsi sulle sfide che devono essere affrontate in merito a settori vitali e che organizza un’agenda integrata attraverso lo scambio di visioni, esperienze e idee sulle direzioni future dei governi e dei big dell’ambito privato.

Al meeting ha preso la parola Mohammad bin Abdullah Al Gergawi, Ministro degli Affari del Gabinetto degli Emirati, il quale ha dichiarato che, sotto la guida del Presidente neoeletto Sua Altezza lo sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan e seguendo le direttive di Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente, Primo Ministro e Sovrano di Dubai, gli Emirati Arabi Uniti hanno promosso la loro presenza in conferenze di caratura mondiale e in forum internazionali per annunciare i loro piani per i prossimi 50 anni e presentare i loro risultati.

Infatti, la viva partecipazione delle Autorità emiratine dimostra la forte convinzione della loro leadership nel promuovere la cooperazione tra gli Stati più evoluti e performanti e progettare nuovi modelli di lavoro per migliorare la preparazione dei governi per il futuro e migliorare il sostentamento delle società.

La volontà dei governi, dunque, è portare un cambiamento positivo nei settori più importanti perché vicini all’umanità e al futuro.

La capacità degli Emirati Arabi in questo ambizioso percorso è dimostrata dal voler ospitare le riunioni annuali dei Consigli del Futuro Globale proprio nel loro territorio, desiderando di promuovere l’integrazione e sostenere l’azione congiunta fra i Paesi per il bene di tutta l’umanità.

Le Autorità centrali emiratine hanno sempre appoggiato la collaborazione internazionale al fine di creare una cooperazione reciproca volta a migliorare e ottimizzare la vita sul pianeta. Dal tema green, alla sostenibilità, all’istruzione, alla tecnologia d’avanguardia, al benessere generale e generalizzato, gli EAU hanno sempre lavorato in questa direzione: rendere il mondo un luogo felice. Così, da tempo hanno istituito il Ministero della Felicità e quello della Tolleranza, proprio in ottica di impegno preciso per diventare il territorio migliore dove vivere e diffondere questa impronta benefica in tutto il globo.

Dubai, comunque, costituisce già il luogo più ambito dove abitare e investire: hub finanziario internazionale, vantaggi economici importanti, lifestyle da sogno e benefici fiscali sono solo alcuni dei motivi per cui i più avveduti imprenditori si sono già trasferiti nel Paese. Se anche tu vuoi approfittare dei benefit dell’emirato, contatta chi è un esperto nel settore del company set up a Dubai, conoscendo e vivendo il mercato direttamente in prima persona. Il punto di riferimento per gli italiani a Dubai, infatti, è Daniele Pescara, CEO di Falcon Advice, che da oltre un decennio accompagna spalla a spalla i più illuminati investitori italiani e non solo che desiderano spostarsi a Dubai.

Per saperne di più, prenota una consulenza.

tim labriola 28-06-2022 — 10:02

Tim, 20mila dipendenti confluiranno nella rete: rumors

Indiscrezioni in vista del piano che sarà svelato il 7 luglio

continua la lettura