Lun 25 Maggio 2020 — 17:26

Giuseppe Bruno (Easy Broker): il vento del nuovo nel mondo assicurativo



Intervista a Giuseppe Bruno, Direttore Generale di Easy Broker, azienda di distribuzione di servizi assicurativi e finanziari

giuseppe bruno easy broker

Mentre l’Italia è ferma per il coronavirus c’è chi sta progettando la ripartenza. Innovazione, sarà la parola vincente per l’Italia o, addirittura, rivoluzione, ci dice il giovane manager milanese di adozione, Giuseppe Bruno, Direttore Generale di Easy Broker. E la rivoluzione lui vuole portarla in un mercato tradizionalista come quello assicurativo e finanziario.

Giuseppe Bruno è figlio d’arte. Il padre era stato uno piccolo Agente Assicurativo della nativa Calabria. Trasferitosi a Milano, ormai da ventidue anni, Giuseppe ha iniziato dalla gavetta vendendo polizze porta a porta con Ina Assitalia. Da li è poi iniziata la sua crescita, prima diventando il miglior assicuratore dell’Ina di Milano, poi occupandosi della ristrutturazione e del rilancio di alcune grandi Agenzie Assicurative in Lombardia e in Piemonte. Quattro anni fa il salto imprenditoriale. Crea la sua prima società a Milano che ristruttura, sviluppa e lancia sul mercato fatturando i suoi primi milioni di euro. Non contento acquisisce il 50% di quella che è la sua nuova avventura: la società Easy Broker che ad oggi dispone di cinque sedi in Italia, oltre che a Milano, a Roma, a Novara, a Como, a Rimini. E presto vi sarà l’apertura di altre quattro sedi di cui tre nel Nord del paese ed una a Sud.

Giuseppe Bruno è ormai diventato una realtà di riferimento nel campo della distribuzione di polizze assicurative e prodotti finanziari per molti operatori del settore e la sua fama da vero “top player” del Mercato ha travalicato i confini tanto da averlo portato ad essere esclusivista per l’Italia di alcune compagnie lussemburghesi e del Liechtenstein nel settore del risparmio e dell’investimento assicurativo. Il suo nome è ormai molto conosciuto dai sindacati Lloyd’s di Londra con i quali è stato partner nell’assunzione di grandi rischi industriali, tra importanti società di gestione finanziaria Svizzere, tra le compagnie di cartello italiane e tra importanti società di Investimento in Materie Prime e Beni Rifugio, senza dimenticare significativi rapporti con istituti bancari intermazionali con cui ha stretto rapporti collaborativi molto solidi e strategici.

Giuseppe Bruno, Dg Easy Broker, in cosa consiste la “rivoluzione” di cui ci ha parlato?

“In un mercato assicurativo fermo, come quello italiano nel quale gli agenti assicurativi sono imbrigliati dalle loro mandanti, nel quale spesso l’intermediario fa più fatica a convincere le compagnie ad assumere i rischi che a trovare i clienti, nel quale le maggiori spese e il maggior tempo per un assicuratore non è la cura del cliente ma il disbrigo delle pratiche burocratiche io ho deciso di “rompere” tutto ciò. Ho accentrato tutti i servizi in un’unica sede liberando chi opera sul campo da tutte le incombenze burocratiche che vengono fornite centralmente dal mio back office. Ho liberato dal ricatto delle mandanti tutti gli intermediari che operano in partnership con me mettendo a loro disposizione tutte le proposte assicurative di tutte le compagnie che operano in Italia. Ho permesso a tutti i partner di Easy Broker, attraverso i Lloyd’s, ma non solo, di poter assumere anche quei rischi che le compagnie italiane rifiutano”.

Come può fare un intermediario suo partner a poter scegliere lui stesso la migliore proposta per i clienti?

“Ho fornito loro tutti gli strumenti informatici per poter confrontare velocemente tutte le soluzioni possibili. Una volta conosciute le esigenze del cliente, una volta fatta l’analisi dei rischi da assicurare si inseriscono i dati nel sistema ed esso provvede a trovare le polizze giuste. Quindi, una volta che l’intermediario e il cliente ne hanno preso visione provvede ad emettere i simpli”.

Oltre all’assunzione di rischi nel ramo danni quali altre possibilità hanno i partner della sua società?

“Attraverso Easy Broker loro avranno la possibilità di collocare in esclusiva la distribuzione dei prodotti più evoluti di investimento assicurativo europei. Polizze che al loro interno propongono gestioni finanziarie adatte sia al piccolo risparmiatore che ai grandi investitori e sia alla diversificazione dei grandi patrimoni”.

Quali sono gli obiettivi di Giuseppe Bruno per i prossimi anni?

“Diventare nell’arco di qualche anno il più grande distributore di prodotti assicurativi e finanziari in Italia ma, soprattutto, essere a capo di un’azienda nelle quale le persone che collaborano con me siano tutte soddisfatte, appagate economicamente e felici. Potrei dire, sorridendo ma non troppo, che la mia volontà è di essere portatore di Felicità Umana Netta”.

E per il futuro ancora più lontano?

“Beh, lì i limiti non ci sono!”.

Unicredit intesa ubi 25-05-2020 — 08:33

Unicredit, ammessa da antitrust all’istruttoria Intesa-Ubi

Una mossa che secondo alcuni osservatori sarebbe arrivata a sorpresa, e che in ogni caso contribuisce a mettere in bilico l’offerta di Intesa Sanpaolo. Intanto i tempi si allungano

continua la lettura