Mer 08 Dicembre 2021 — 14:48

Forex: non solo euro dollaro, ecco le valute più interessanti del momento secondo gli esperti



Le monete che scambiano più volume rispetto al biglietto verde vengono definite come “principali” e includono diverse coppie, ma non sono le uniche

forex trading

Il forex è un mercato che segue l’andamento dei prezzi di coppie valutarie e rappresenta uno degli asset esistenti sui quali è possibile fare trading online. Si può infatti investire sulle oscillazioni dei tassi di cambio come, per esempio, il guadagno del Dollaro americano rispetto all’Euro. Non ha una sede fissa ed è sempre aperto rispetto alla Borsa di Milano e grazie alla sua elevata liquidità risulta il mercato che attira più investitori nel mondo. Tutte le negoziazioni sui cross valutari avvengono attraverso le reti informatiche tra gli investitori e il fatto di non avere orari lo rende estremamente attivo, poiché è possibile operare in qualsiasi momento della giornata h24. Una delle coppie più conosciute è sicuramente l’Euro/Dollaro, ma ne esistono molte altre che devono essere monitorate attentamente perché potrebbero risultare molto convenienti in termini di investimento.

Come fare trading sul Forex.

Il Forex è un tipo di mercato che attira numerosi clienti che hanno scelto il trading online per aumentare i propri capitali. Questa tipologia di investimento virtuale si basa su una figura centrale, ossia quella del broker digitale che permette all’utente di effettuare materialmente le transazioni, mettendo a disposizione una piattaforma on-line. A tal proposito, è molto importante capire come funziona il forex, in quanto questo asset ha delle caratteristiche precise che richiedono degli strumenti finanziari specifici. Uno dei più importanti sono senza dubbio i contratti per differenza, in quanto rappresentano la negoziazione di derivati più conosciuta. I CFD permettono di investire sia sui prezzi in aumento che su quelli che diminuiscono, offrendo più opportunità di ricavo rispetto alla classica compravendita.
Uno dei vantaggi di fare trading attraverso i CFD è quello appunto di effettuare la cosiddetta vendita allo scoperto, che consente di generare ricavo attraverso l’abbassamento del valore di un titolo. Lo short selling si basa sulla previsione di un calo di prezzo che porterà alla vendita di alcuni strumenti derivati, per poi effettuare un loro successivo riacquisto ad un valore inferiore rispetto a quello precedente. Nel momento in cui si verificano queste condizioni, l’investimento ha un esito positivo e quindi si ottiene un profitto. Nel Forex non avviene una compravendita delle valute, ma si specula sull’andamento dei tassi di cambio.
Un altro vantaggio del trading attraverso i contratti per differenza è la possibilità di operare attraverso la leva finanziaria sulle coppie di valute. Questo strumento consente di avere un’esposizione di capitale maggiore nonostante vengano impiegate cifre minori. Quando si investe in leva il broker chiede una piccola parte rispetto al valore effettivo dell’operazione, il restante viene messo a disposizione da lui stesso. Il profitto o la perdita però sono basati sull’intero deposito, quindi è possibile avere un maggiore rendimento potenziale.

Le altre valute oltre il Dollaro e l’Euro.

Come detto, una delle coppie valutarie più conosciute è l’Euro/ Dollaro, ma non esistono solo queste, in quanto le combinazioni dipendono dalla quantità di valute nel mondo. Il numero totale cambia in base all’andamento delle valute stesse e vengono categorizzati in relazione alla grandezza delle transazioni che avvengono durante il giorno. Le monete che scambiano più volume rispetto al Dollaro Americano USD vengono definite come “principali” e includono diverse coppie come: USD/Yen giapponese, Sterlina britannica /USD, USD/franco svizzero. Infine le ultime due coppie, ossia Dollaro australiano/USD e USD/Dollaro canadese vengono definite valute di materie prime perché il Canada e l’Australia possiedono molte materie prime e questo influisce sui prezzi delle loro monete.
Esistono poi delle valute definite minori perché non vengono associate al Dollaro come, per esempio la coppia EUR/sterlina britannica o EUR/franco svizzero. Infine le valute dei mercati emergenti vengono chiamate “esotiche”, ma non hanno grande liquidità.
Secondo gli analisti i cross da monitorare sono senza dubbio l’EUR/USD, in quanto i mercati con l’aumento dell’inflazione stanno aumentando la propria volatilità. Inoltre da tenere sotto controllo è la coppia GBP/USD in relazione alle ultime instabilità economiche. La sterlina infatti deve rispondere ai timori prodotti dalla variante Delta del covid-19 e ai dati non proprio positivi legati alla ripresa dei consumi. Allo stesso modo da tenere in considerazione e la coppia USD/JPY, in quanto il valore dello Yen Giapponese è ai minimi da circa un anno e mezzo rispetto al dollaro americano. Infine è importante osservare le oscillazioni delle monete di tutti i paesi che sono esposti all’inflazione come il rublo russo, il real brasiliano e il bolivar venezuelano.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura