Lun 25 Maggio 2020 — 16:35

Dubai resta meta preferita delle imprese italiane in fuga



Secondo Daniele Pescara, ceo di Falcon Advice con sede a Padova e a Dubai, da inizio anno al periodo di lockdown dovuto al Covid-19 “si è registrato un 200% di richieste in più rispetto allo stesso periodo del 2019, che si sono tramutati in 140 milioni di dollari di investimenti collocati”

imprese italiane dubai

È verosimile che entro quest’anno il numero complessivo delle aziende italiane artigiane scenderà di almeno 300 mila unità. Vale a dire che il 25% delle imprese artigiane presenti in Italia chiuderà i battenti. Alcune probabilmente decideranno di espatriare e molte imprese italiane avranno destinazione Dubai negli Emirati Arabi Uniti.

Imprese italiane, Dubai meta preferita

Almeno 7 miliardi di euro. A tanto ammonta la stima della perdita di fatturato che a livello nazionale le imprese artigiane subiranno in questi mesi di chiusura a causa del Covid-19 (solo dal 12 marzo al 13 aprile 2020). A fare i conti è stato l’Ufficio studi della Cgia di Mestre.

L’ultima goccia, che ha spinto anche i Tycoon più patriottici a guardarsi intorno, pensiamo al gruppo italiano Campari che i primi di Aprile 2020, ufficializza lo spostamento della sede legale in Olanda.

Secondo Daniele Pescara ceo di Falcon Advice con sede a Padova e a Dubai, da inizio anno al periodo di lockdown dovuto al Covid-19, “nei primi 4 mesi del 2020 si è registrato un 200% di richieste in più rispetto allo stesso periodo del 2019, che si sono tramutati in 140 milioni di dollari di investimenti collocati”.

Falcon Advice: aiutare eccellenze italiane

Il core business di Pescara e della sua Falcon Advice è quello aiutare le eccellenze italiane ad aprire la loro sede negli Emirati Arabi Uniti.

“Dubai sta vivendo un periodo difficile – continua Pescara – come del resto tutta l’economia mondiale, ma l’opportunità di investire attraverso le sue aree fiscali speciali è comunque un’incentivo importante per tutte le aziende e gli operatori che persistendo nei loro paesi d’origine sarebbero costretti a chiudere”.

Pure essendo stato posticipato l’evento Expo 2020, Dubai non perde il suo fascino attrattivo, conclude il finanziere veneto, “ma si propone ancor di più a quella clientela d’elitè che necessita di un fulcro economico che ha ancora molto da offrire”.

Unicredit intesa ubi 25-05-2020 — 08:33

Unicredit, ammessa da antitrust all’istruttoria Intesa-Ubi

Una mossa che secondo alcuni osservatori sarebbe arrivata a sorpresa, e che in ogni caso contribuisce a mettere in bilico l’offerta di Intesa Sanpaolo. Intanto i tempi si allungano

continua la lettura