Mer 30 Novembre 2022 — 01:19

Dubai naviga l’onda dell’innovazione tecnologica



Al Global Media Congress gli ultimi sviluppi sulle applicazioni dell’intelligenza artificiale

Dubai e gli Emirati Arabi Uniti si sono sempre dimostrati all’avanguardia, riservando particolare attenzione a tutte quelle attività e quei settori imprenditoriali volti allo sviluppo delle cooperazioni internazionali.

Le innovazioni tecnologiche e le ricerche sullo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale hanno visto impegnati, in particolar modo, molti tra i più qualificati ed illuminati professionisti esperti nel settore a Dubai. Negli ultimi anni, infatti, lo stesso Governo Emiratino ha messo a disposizione cospicui fondi e tecnologie avanzate, proprio a favore di queste ricerche: così facendo, ha posto le basi e dato il proprio contributo alla formazione di un futuro sempre meno chimerico.

Proprio questo è stato l’oggetto di un’importante discussione tenutasi durante la seconda giornata del Global Media Congress, evento e piattaforma di scambio internazionale circa il futuro dell’industria dei media, ospitato quest’anno dalla capitale degli Emirati Arabi Uniti dal 15 al 17 novembre.

A questo congresso ha preso parte una delegazione dell’Università degli Emirati Arabi Uniti (UAEU): ricercatori e scienziati internazionali hanno tenuto diversi convegni circa il ruolo dell’IA nella tecnologia del futuro dei media e sul suo peso nel raggiungimento dei principali obiettivi dello sviluppo sostenibile.

Gli studenti dell’ateneo hanno dimostrato i risultati delle ricerche condotte relative allo sviluppo e all’innovazione dei media del futuro, presentando due robot operati da un articolato sistema di Intelligenza Artificiale e programmati per la raccolta di dati e l’elaborazione di idee e pensieri in immagini.

Il Prof. Ahmed Murad, Preposto della Ricerca presso UAEU e analista circa i flussi migratori e gli andamenti economici a Dubai, si è detto estremamente orgoglioso e felice della partecipazione dell’Università a questo evento. “Questa è un’eccezionale opportunità per gli Emirati Arabi Uniti di dimostrare e rafforzare ulteriormente la propria leadership e promuovere la propria partecipazione ad eventi internazionali di tale calibro” ha affermato il rettore in un comunicato stampa.

In più di un’occasione, Sua Altezza lo Sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha affermato l’intenzione dell’Emirato di contribuire al rafforzamento della ricerca scientifico tecnologica, al fine di consolidare l’economia presente e futura di Dubai.

Quest’evoluzione non sarà fine a se stessa, né vedrà protagonisti, unicamente, i settori di sviluppo scientifico; sarà la base, bensì, di una notevole crescita nelle collaborazioni internazionali e dei finanziamenti nel territorio, già capisaldi dell’economia locale e transnazionale che ruotano attorno a Dubai. La sua posizione strategica e la giurisdizione altamente favorevole, faranno sì che sempre più società internazionali scelgano di impegnare le proprie forze ed i propri investimenti nell’Emirato.

Suolo sempre più fertile per lo sviluppo e la crescita di business innovativi, Dubai continua ad offrire incredibili opportunità alle menti imprenditoriali più brillanti al mondo. Alla luce di ciò e della partecipazione di affaristi di classe sempre più elitaria nello sviluppo economico Emiratino, risulta fondamentale, oggi più che mai, affidarsi a chi ne conosca bene l’approccio e gli andamenti. Daniele Pescara, CEO di Falcon Advice, è la figura di riferimento per gli imprenditori italiani a Dubai da oltre un decennio, affiancando, con la propria esperienza, la realizzazione dei loro progetti e la riuscita ottimale dei loro investimenti a Dubai.

Se desideri saperne di più e ricevere un parere professionale modellato sulle tue particolari necessità, prenota una consulenza.

Borsa italiana oggi 29-11-2022 — 04:01

Borsa Milano oggi incerta, bene assicurativi, Erg positiva al debutto sul Ftse Mib

Azionario in cerca di una direzione dopo un avvio di settimana negativo e mentre si attendono soprattutto le prossime mosse delle banche centrali

continua la lettura