Mar 07 Febbraio 2023 — 03:28

Criptovalute: non solo Bitcoin, cresce l’interesse per Polkadot



Lanciata nel 2016 ma capace di mettersi in mostra solo di recente grazie al grande lavoro svolto dalla community della sua rete, è entrata a far parte della top ten delle monete virtuali

Seimilatrecentosessantuno: questo è il numero delle criptovalute attualmente esistenti. Alcune di esse sono famosissime, altre sono in rampa di lancio e tantissime sono sconosciute praticamente a chiunque. Ad ogni modo parliamo di numeri altissimi che fanno capire che il mondo delle crypto non si ferma al solo Bitcoin. La creatura del misterioso Satoshi Nakamoto rimane la moneta virtuale più conosciuta e diffusa con una capitalizzazione superiore agli 800 miliardi di dollari.

Alle sue spalle però continuano a crescere altre realtà: l’Ethereum ormai da anni è una certezza, il Ripple continua a godere di buona fama, il Cardano è stato il protagonista della crescita più interessante negli ultimi dodici mesi. Ma nella top ten delle criptovalute compare anche il Polkadot, lanciata nel 2016 ma capace di mettersi in mostra solo di recente grazie al grande lavoro svolto dalla community della sua rete.

La crescita del mondo crypto

Sono ormai diversi anni che trader ed investitori seguono con grande interesse il mondo delle criptovalute. L’exploit del Bitcoin del 2017 ha catturato le attenzioni anche di tanta gente comune che, attratta dal fascino e dal potenziale di questo particolare asset, ha scelto di fare il suo ingresso nei mercati finanziari. Si è verificato così quel fenomeno che alcuni esperti hanno definito come l’adozione di massa delle cryptocurrency. Per capire come comprare bitcoin è consigliabile affidarsi agli esperti criptovalute.io, che hanno realizzato una guida in cui spiegano quali sono le strategie migliori per acquistare tutte le principali monete virtuali e che forniscono diversi strumenti per monitorare le quotazioni delle criptovalute.

Ovviamente le persone che non hanno grossa esperienza con il mondo della finanza puntano soprattutto sui nomi più conosciuti. Al giorno d’oggi le modalità per compare Bitcoin sono diverse. Di recente sono nate carte conto specifiche e si stanno diffondendo addirittura gli sportelli bancomat che consentono di effettuare conversioni da moneta tradizionale a Bitcoin.

Nonostante queste opzioni in più, i metodi più utilizzati oggi per investire in Bitcoin sono ancora quelli che prevedono l’acquisto diretto tramite gli exchange e il trading online attraverso le piattaforme dei broker. In entrambi i casi è necessario scegliere con estrema attenzione l’intermediario a cui ci si affida: per quanto riguarda i broker bisogna optare solo per soggetti regolamentati, mentre per gli exchange bisogna considerare affidabilità e reputazione.

Come investire in Bitcoin con l’acquisto diretto

Gli exchange consentono di comprare Bitcoin (così come altre valute del mondo crypto) in modo diretto. A differenza dei broker, questi soggetti non sono assoggettati ad alcuna regolamentazione, quindi per individuare quelli più affidabili è necessario basarsi principalmente sulla loro reputazione. Gli exchange più famosi ed apprezzati sono Binance e Coinbase. Anche alcuni broker di trading, come ad esempio eToro, consentono di acquistare Bitcoin.

Ovviamente, una volta acquistata la criptovaluta deve essere conservata. Per questo è necessario dotarsi di un portafoglio virtuale. Sono disponibili wallet online, utilizzabili tramite browser, ma anche wallet su smartphone e portamonete fisici, che sono dei dispositivi esteticamente molto simili a delle normali chiavette USB. È importante trasferire i Bitcoin dall’exchange al wallet subito dopo l’acquisto.

Sempre più interesse per il trading online sul Polkadot

Al nono posto delle cruptovalute più importanti per capitalizzazione c’è il Polkadot, moneta virtuale contrassegnata dal simbolo DOT. La sua quotazione attuale supera di poco i 30 dollari. Per capire se è il momento giusto per investirvi si possono cercare le considerazioni su polkadot degli esperti del settore che mostrano come, ad oggi, la valuta si presti ad investimenti di breve periodo.

Come abbiamo visto per il Bitcoin, è possibile investire in Polkadot con l’acquisto diretto tramite exchange oppure fare trading online tramite un broker. Tra le migliori piattaforme che consentono di investire su questa criptovalute tramite i CFD è possibile menzionare, oltre alla già citata eToro, OBR Invest, Trade.com, Plus 500 e IQ option. Sono tutti broker regolamentati, quindi sicuri: una volta scelto l’intermediario si potrà procedere con l’apertura dell’account per effettuare il primo versamento e fare l’ingresso nel mondo crypto.

intesa sanpaolo raccomandazioni 06-02-2023 — 03:45

Intesa, raccomandazioni aggiornate dopo i conti 2022

Carrellata di nuovi giudizi e target price in scia a risultati e dividendo giudicati migliori delle attese

continua la lettura