Dom 24 Gennaio 2021 — 01:04

Crescita aziendale: come affermarsi sul mercato grazie all’analisi della concorrenza



Un’analisi concorrenziale di qualità, effettuata con tecniche e strumenti moderni di Competitive Intelligence e i Big Data, assicura una serie di vantaggi importanti

crescita aziendale analisi concorrenza

Per lanciare un nuovo business di successo, oppure per migliorare le performance della propria azienda, è indispensabile avere un approccio sempre più analitico. Questo perché è sempre più difficile intraprendere un percorso di crescita aziendale consapevole e ben delineato in modo continuativo e costante.

Oggi, affermarsi sul mercato è una sfida davvero complessa, soprattutto in settori molto competitivi. E la scarsa conoscenza dei propri concorrenti può complicare ulteriormente le cose.

Come vincere questa sfida allora? L’elemento che può fare la differenza è l’analisi online dei propri competitors tramite i dati.

Per questo motivo è essenziale far realizzare delle analisi concorrenziali rivolgendosi ad aziende specializzate come CMI (Central Marketing Intelligence). Esperti che sfruttano software avanzati di Competitive Intelligence e i Big Data online per scoprire ogni “segreto” sui propri concorrenti. Si tratta di analisi scientifiche dei competitors, in grado di rivelare dati pubblici ma altrimenti inaccessibili. Informazioni cruciali per comprendere come pianificare un progetto di successo e in che modo differenziare il proprio brand.

Analisi della concorrenza: quali informazioni si possono ottenere?

Ovviamente, le analisi competitive non sono tutte uguali. Ma quali sono le caratteristiche imprescindibili di un’indagine professionale? Questa deve fornire una serie di informazioni indispensabili per comprendere come strutturare il proprio ingresso sul mercato e pianificare la scalata all’interno della nicchia di riferimento.

Vediamo quali.

Innanzitutto è fondamentale capire chi sono i concorrenti più importanti, ovvero le aziende posizionate nello stesso settore con le quali bisogna inevitabilmente confrontarsi.

Dopodiché è necessario conoscere qual è la reputazione dei competitors, per capire cosa pensano di loro utenti, clienti e altre imprese, in più è essenziale scoprire quali prodotti e servizi vendono.

Di più: bisogna avere chiaro come comunicano online, ottenendo dati precisi sui volumi di traffico delle varie piattaforme web utilizzate dalla concorrenza, le modalità con le quali acquisiscono clienti e le loro strategie di marketing per sapere esattamente come agiscono.

Un’analisi concorrenziale professionale deve includere dati approfonditi sul target di utenti dei competitors, le keyword strategy adottate per posizionarsi sul web e il tipo di soluzioni scelte per la presenza sui social network. Allo stesso modo è necessario conoscere quali strumenti usano i concorrenti, con l’obiettivo di svelarne ogni minimo dettaglio delle strategie di business, marketing, pubblicità e comunicazione adottate online e offline.

Perché è fondamentale un’analisi della concorrenza professionale

Non tutte le imprese che si occupano di analisi della concorrenza sono in grado di offrire lo stesso servizio.

Molte aziende di ricerche forniscono solo delle informazioni parziali o superficiali sui competitors. E spesso anche i lavori più accurati pur offrendo una quantità di dati più esauriente, non forniscono insight. Spunti.

Così accade che, senza insight, un imprenditore si ritrovi il più delle volte confuso e disorientato, poiché sommerso di informazioni che non sa come utilizzare.

Al contrario, un’analisi concorrenziale professionale è un lavoro di altissima qualità, con il quale non vengono soltanto proposte informazioni statiche sulla concorrenza, ma delle indicazioni essenziali per comprendere quali sono le dinamiche giuste per affermare la propria azienda o migliorarne il posizionamento sul mercato. Si tratta di una differenza sostanziale, in quanto questo tipo di approccio permette di conoscere a fondo il business dei propri competitors e capire come muoversi.

Gli insight ottenibili con delle analisi della concorrenza adeguate consentono di pianificare una strategia omnicanale, con la quale determinare ogni passo da compiere e prendere decisioni consapevoli, poiché non basate su intuizioni ma guidate dai dati. I benefici
garantiti da tale modus operandi sono considerevoli, specialmente quanto il settore è particolarmente competitivo e ogni errore commesso potrebbe compromettere il successo e la sostenibilità della propria azienda.

I vantaggi delle analisi concorrenziali professionali

Ogni imprenditore realizza sempre un business plan prima di lanciare un nuovo progetto, oppure per la pianificazione delle strategie di rilancio o di crescita aziendale. Una delle voci riguarda proprio l’analisi della concorrenza, ad ogni modo la maggior parte delle imprese si ferma a una ricerca superficiale dei competitors, senza indagare a fondo la nicchia e il business delle aziende con le quale ci si deve confrontare.

Un’analisi concorrenziale di qualità invece, effettuata con tecniche e strumenti moderni di Competitive Intelligence e i Big Data, assicura una serie di vantaggi importanti. Prima di tutto consente di ottimizzare il budget a disposizione, affinché sia possibile contenere le spese e realizzare soltanto investimenti intelligenti. In questo modo è possibile beneficiare di un risparmio notevole, poiché si evitano gli sprechi usando in maniera oculata le risorse aziendali.

Inoltre si possono massimizzare i risultati, raggiungendo gli obiettivi prefissati nel minor tempo possibile, garantendo il giusto ritmo di crescita affinché l’organizzazione aziendale possa offrire il dovuto sostegno, senza accelerazioni eccessive né ritardi. Allo stesso tempo è possibile posizionarsi in modo corretto sul mercato, studiando ogni mossa in maniera dettagliata per non commettere errori.

Le analisi della concorrenza professionali propongono senz’altro la soluzione più moderna e affidabile, per aiutare PMI e grandi aziende a muoversi sul mercato in modo cosciente. Le nuove tecnologie e la crescita del mondo digitale richiedono oggi un approccio più analitico, altrimenti il rischio è di essere tagliati fuori dal proprio mercato.

mps bce 22-01-2021 — 10:48

Mps, spunta l’ipotesi dell’aumento di capitale “a rate”

Un bond subordinato e due tranche successive in capitale: l’operazione consentirebbe al Tesoro maggiore flessibilità rispetto ai nodi degli aiuti di Stato e della riprivatizzazione

continua la lettura