Gio 09 Luglio 2020 — 15:53

Come investire in borsa in piena emergenza Coronavirus



Quello degli investimenti online è un settore tanto affascinante quanto controverso, che attrae giorno dopo giorno sempre più utenti spinti dalle possibilità che esso offre in termini economici

come investire in borsa

Quello degli investimenti online è un settore tanto affascinante quanto controverso, che attrae giorno dopo giorno sempre più utenti spinti dalle possibilità che esso offre in termini economici.

Chi è ancora fermo all’idea che per investire sia necessario essere esperti del comparto economico, o che sia necessario disporre di enormi capitali, è bene che si aggiorni in merito alle infinite novità che sono state introdotte nel mondo delle negoziazioni.

Grazie al trading online, gli investimenti sui mercati finanziari sono diventati una realtà possibile e accessibile a tutti, e anche chi dispone di piccole somme ha la possibilità di investirle per trarne dei potenziali profitti.

In piena emergenza Coronavirus, in uno dei momenti storici più instabili del secolo, infatti, può tornare molto utile, specialmente ai piccoli risparmiatori la guida su la guida su come investire oggi in borsa senza mettere a rischio il patrimonio realizzata dagli specialisti di tradingonlinebroker.com.

Va sottolineato, infatti, che il trading risulta essere la soluzione più adatta e accessibile anche a coloro che non hanno mai fatto alcun tipo di investimento e si approcciano alle negoziazioni sui mercati per la prima volta, mossi dalla curiosità o dalla necessità.

Le innovazioni in ambito tecnologico hanno contribuito a semplificare le operazioni e mettere in contatto diretto gli investitori con i mercati, senza intermediazione e senza attese.

Il risvolto della medaglia, però, è che la facilità di accesso ai mercati da parte di tutti ha contribuito a far sì che il settore del trading fosse preso di mira dai truffatori.

In fondo c’era da aspettarselo. Quando si parla di soldi, e nel caso degli investimenti i soldi che circolano sono tanti, i truffatori si buttano a capofitto tentando di adescare gli investitori meno esperti o meno accorti.

La possibilità di essere truffati è una delle motivazioni che spingono molti traders in erba ad abbandonare dopo il primo tentativo o a non provarci affatto.

Per questo motivo, allora, la nostra guida vuole porsi come faro per quanti vorrebbero fare trading ma non sanno come muoversi o si lasciano intimorire dalla possibilità di perdere il proprio denaro.

Vediamo allora cos’è il trading, come funziona e come si può investire in sicurezza.

Come investire nel trading online

Partiamo da una definizione attendibile del fenomeno.

Il trading online è l’attività di negoziazione sui mercati di beni finanziari attraverso la rete.

La comunicazione tra gli investitori e i mercati è possibile grazie ai broker, intermediari virtuali che offrono delle piattaforme digitali sulle quali muovere le operazioni di investimento.

Grazie a ciò, oggi non sono più necessari gli istituti di credito e i consulenti finanziari per comprare azioni o negoziare valute. Tutto avviene sul web, direttamente da casa o da qualsiasi altro luogo tramite un dispositivo elettronico, come un computer o uno smartphone,
e una connessione internet.

I broker con cui investire in borsa

I broker sono coloro che permettono concretamente agli utenti di investire grazie alle piattaforme operative opportunamente studiate per consentire loro di interagire con i mercati.

I broker possono essere differenziati in base alle tipologie di strumenti e servizi innovativi che offrono ai propri utenti. Alcuni infatti vengono considerati i migliori sul mercato proprio per l’eccezionale supporto che offrono agli investitori prima, durante e dopo le operazioni di negoziazione.

È bene sapere che non tutti i broker che si trovano sul web sono validi e affidabili. Dietro alcune piattaforme che sembrano efficienti e convenienti potrebbero celarsi dei truffatori che tentano di derubare i traders principianti convincendoli ad effettuare depositi di denaro, che spariscono inevitabilmente dopo pochi minuti.

Difendersi dalle truffe quando si è alle prime armi potrebbe risultare difficile, per questo nel prossimo paragrafo riportiamo gli accorgimenti da adottare quando ci si trova a dover scegliere un broker e si vuole avere certezza che non si tratti di frode.

Gli asset – mercati di investimento

I beni finanziari negoziabili, gli asset, sono tantissimi e ogni traders ha la libertà di scegliere i preferiti sulla base di diversi parametri.

Azioni, indici, materie prime, coppie di valute, criptovalute, obbligazioni sono gli asset più comuni nel mondo del trading e maggiormente scelti dai traders di qualsiasi livello.

È da sottolineare, però, che alcuni mercati risultano essere potenzialmente più proficui ma, per tale ragione, molto più rischiosi di altri.

È il caso del mercato delle valute, il forex, o delle criptovalute. In questo caso parliamo di asset altamente volatili, ovvero molto frenetici e nei quali si registrano oscillazioni di valore repentine e incontrollabili. Ciò è dovuto al fatto che si tratta di mercati decentralizzati, cioè
che non risiedono sotto alcun controllo da parte di enti, che siano governi, banche o istituzioni.

L’alta volatilità di questi asset da un lato li rende molto appetitosi in termini di guadagno, dall’altro però risultano essere molto rischiosi data la loro instabilità, pertanto prima di investire in questi mercati è bene essere consapevoli dei rischi cui si va incontro e pertanto è
opportuno lanciarsi in questi investimenti solo se adeguatamente preparati.

La formazione necessaria per investire in borsa

La formazione, a prescindere dal mercato in cui si vuole investire, è fondamentale e per chiunque dovrebbe essere impensabile iniziare ad investire se prima non si sono appresi i principi basilari del trading.

Sul web è reperibile parecchio materiale formativo, pdf, ebook, video corsi e corsi interi di trading, spesso a prezzi non proprio economici.

Per non rischiare di effettuare un primo investimento fallimentare acquistando un corso di trading a pagamento che potrebbe rivelarsi incompleto e inefficace, è consigliabile avvalersi del materiale che i migliori broker mettono a disposizione di tutti gli iscritti in forma gratuita.

Per accedere alla sezione formativa, infatti, è sufficiente completare l’iscrizione sul sito del broker e usufruire di tutto il materiale spesso suddiviso per livello – principiante, intermedio, avanzato.

In questa fase non è richiesto alcun deposito di denaro e chiunque voglia apprendere le basi del trading in maniera completa ed esaustiva trova in questa categoria del materiale valido e di alta qualità.

Truffe del trading: come difendersi dai tentativi fraudolenti

Come abbiamo già accennato, il trading è un settore che, per sua natura, fa gola sia agli utenti onesti che vorrebbero far fruttare i propri risparmi, sia ai truffatori che di quei risparmi vorrebbero appropriarsene illecitamente.

I truffatori si celano dietro la costruzione di piattaforme identiche a quelle valide ma che, per ovvi motivi, presentano delle pecche che le rendono facilmente riconoscibili ai traders più accorti.

Per evitare di finire nella trappola dei malintenzionati, allora, è bene tenere a mente alcuni accorgimenti quando ci si approccia nella scelta del broker con cui investire.

  1. I broker validi sono regolamentati dagli organi di controllo finanziario per operare in ogni territorio. Ciò significa che se la piattaforma in questione non dispone di apposita licenza non è autorizzata ad offrire i suoi servizi, quindi è quasi certo che si tratta di una truffa.
  2.  Materiale formativo e strumenti di supporto sono segnali che il broker è affidabile e ha a cuore il successo del trader negli investimenti. È bene diffidare da quelle piattaforme che non sembrano fornire alcun supporto agli utenti e soprattutto non mettono a disposizione un conto demo.
  3.  Alti costi di commissione sulle operazioni o canone fisso per l’utilizzo della piattaforma sono segnali da non sottovalutare. I broker affidabili non intendono guadagnare sui ricavi degli utenti ma si sostengono grazie a piccoli spread.
  4.  Per ultimo ma di fondamentale importanza, prima di affidare i propri soldi nelle mani di un broker, è bene informarsi al riguardo cercando opinioni e recensioni da parte di altri utenti che l’hanno già provato.
azioni ferrari 09-07-2020 — 01:24

Azioni Ferrari, per Rbc valgono 200 euro con suv Purosangue

Secondo il broker, che ha avviato la copertura con rating outperform, il nuovo modello consentirà di attirare nuovi clienti e incrementare la quota di mercato in Cina

continua la lettura