Mar 07 Febbraio 2023 — 02:16

Come investire in arte senza esperienza



Pochi sono a conoscenza degli alti rendimenti potenziali che questo settore offre

come investire arte

Che l’arte sia un mezzo di investimento, ormai molti lo sanno, ma pochi sono a conoscenza degli alti rendimenti potenziali che questo settore offre.

Questo mercato infatti presenta dinamiche molto diverse dagli altri e, se dominate, può condurre a grosse soddisfazioni sui nostri portafogli di investimento.

Ma è possibile investire in arte anche senza avere grossa esperienza? Lo scopriamo in questo articolo, continua a leggere.

Investire in arte senza esperienza è possibile?

La prima domanda che in genere ci si pone quando si entra in contatto con questo mondo è se sia possibile iniziare ad investire senza grande esperienza alle spalle.

Come per tutti gli altri mercati, la risposta è ovviamente no. È sempre necessario conoscere i mercati su cui si investe, soprattutto quando si parla di arte. In questo mercato infatti non c’è spazio per la fortuna, come a volte può succedere in altri ambiti di investimento, quindi è necessaria una forte esperienza.

Ci sono tuttavia soluzioni anche nel caso in cui tu non sia o non voglia diventare esperto di questo mercato: puoi affidarti ad aziende come FineArtX, che mettono a tua disposizione tutta la loro expertise di settore.

Investire in arte: i fattori determinanti

Quando si investe in arte, entrano in gioco molti fattori che fanno la differenza tra il successo e il fallimento.

Primo tra tutti, troviamo la necessità di capire il mercato in cui operiamo: un mercato fatto sì di quotazioni, ma anche di desiderio, bellezza, gusti e collezionismo. Un mercato insomma dove la piacevolezza di un’opera, il nome dell’artista che l’ha creata o la semplice voglia di possederla nella propria collezione, fanno da motore trainante.

È importante comprendere queste dinamiche, conoscere gli artisti in voga o che hanno potenziale e avere contatti con gallerie, art broker, analisti ed esperti. Solo così avrai qualche reale possibilità di successo senza correre enormi rischi.

Come investire senza rischi

È possibile investire senza rischi? Anche qui… la risposta in breve è no, ogni investimento porta con sé dei rischi, ma con alcune accortezze possiamo riuscire a ridurli.

Un buon sistema per ridurre il rischio quando si investe è creare un portafoglio equilibrato. Sentiamo sempre parlare di “diversificazione” e la totalità degli investitori in effetti diversifica mettendo più asset nel proprio portafoglio.

Ma allora perché la maggior parte dei portafogli, soprattutto di chi investe “fai da te”, sono totalmente sbilanciati? Semplice, perché chi diversifica lo fa male.

Diversificare infatti non significa avere solo più titoli azionari diversi o più obbligazioni o più tipi di criptovalute. La diversificazione all’interno di una stessa categoria può essere utile sì, ma è necessario diversificare anche all’esterno. Ciò che fa la differenza infatti è la diversificazione tra macrocategorie.

Se per esempio avessi un portafoglio di investimento che contiene solo azioni, anche se fossero centinaia e di diverso livello di rischio, non sarei comunque molto bilanciato.

È preferibile avere un portafoglio che contiene qualche azione (meglio se divisa per nazione/continente), delle materie prime, qualche crypto se ci interessano e altri asset a seconda del livello di rischio a cui ci vogliamo esporre. Così avremmo un portafoglio più equilibrato, soprattutto se decidiamo di inserire asset come appunto l’arte.

Secondo i dati infatti, se da un lato il mercato dell’arte ci offre la possibilità di avere rendite potenziali ben superiori al semplice azionario, è anche in grado di offrire una buona stabilità nel tempo, resistenza all’inflazione e apprezzamento anche in periodi di crisi e recessione. Questo lo rende sicuramente un ottimo strumento di protezione e gestione del rischio.

Di cosa hai bisogno quando inizi ad investire in arte

Se non sei esperto in arte, per investire in questo settore ti serve assolutamente circondarti di professionisti che lo siano. Fondamentali sono anche le conoscenze di figure chiave, oltre che alla formazione di settore.

Essere in contatto con gallerie, banditori d’asta, restauratori, art advisor e art broker, ci permette di avere informazioni utili prima di tutti gli altri. Avremo il privilegio di scoprire artisti emergenti, nuove aste o contatti con privati che vogliono vendere dei pezzi di tutto rispetto. Questo singolo elemento fa la differenza.

Quindi, se vuoi includere opere d’arte nel tuo portafoglio, devi iniziare a conoscere questo settore e frequentare persone che respirano questo mondo.

Oppure puoi scegliere di affidarti ad una realtà come FineArtX, che grazie al suo network di esperti è in grado di guidare gli investitori (anche meno esperti) nel mondo dell’arte.

Visita qui il loro sito web: https://www.fineartx.com e scopri come essere sostenuto nella diversificazione del tuo portafoglio d’investimento.

I 4 errori da non commettere quando investi in arte senza esperienza

Abbiamo visto cosa serve per investire in arte, ora vediamo cosa assolutamente non fare in questo mercato.

  1. Leggere qualche informazione sul settore e andare subito a comprare un’opera.

Questo è assolutamente da evitare se non vuoi buttare via i tuoi soldi. Prima di investire devi aver fatto tutte le verifiche ed analisi dell’opera >e dell’autore che vuoi acquistare o aver delegato tutto questo ad un esperto come appunto FineArtX.

  1. Comprare l’opera di un autore solo perché sembra stia diventando famoso.

Ti sconsiglio di operare in questo modo. Anche in questo caso, sono necessarie informazioni e analisi aggiuntive, non ci si può basare solo sul “trend” del momento.

  1. Comprare l’opera e aspettare, senza capire quale può essere il momento di vendere.

Molti acquistano e aspettano anni, dimenticandosi in alcuni casi l’obiettivo per cui avevano comprato: fare profitto. Se il tuo obiettivo è comprare per proteggerti dall’inflazione o fare soldi, allora devi rimanere sintonizzato sui mercati, sponsorizzare l’opera in tuo possesso, tenere d’occhio l’artista e cogliere il momento giusto per vendere e realizzare il massimo del profitto. Questo è difficile da fare da soli, per questo FineArtX può aiutarti anche in questo momento cruciale, perché ti terrà informato sull’andamento e sull’apprezzamento dell’artista.

  1. Comprare senza fare verifiche.

I falsi in questo settore sono all’ordine del giorno, se vuoi evitare di essere ingannato, dovrai fare molta attenzione e avere degli esperti autenticatori al tuo fianco.

Perché dovresti investire in arte: il nuovo bene rifugio

Siamo ormai giunti alla conclusione di questo articolo. Come hai potuto leggere fin qui, investire in arte è realmente un sistema interessante su cui puntare, sia che ci si voglia proteggere dalla morsa dell’inflazione e sia che si vogliano rendimenti potenziali, in molti casi addirittura maggiori, rispetto al semplice mercato azionario.

Ma questo è un settore tanto redditizio quanto pericoloso se si sceglie di operare in autonomia senza esperienza.

Se si vuole avere qualche chance di successo le soluzioni possibili sono due: o si studia per anni (perdendosi il grosso boom che questo settore sta per sperimentare), o si sfruttano le conoscenze di terze persone che hanno già fatto questo percorso al posto tuo.

Ovviamente, se sei alle prime armi, noi ti consigliamo questa seconda opzione. In questo caso, valuta FineArtX, un’azienda che cura per te tutti gli aspetti visti finora, permettendoti quindi di iniziare a sperimentare le grosse potenzialità di questo fantastico settore.

Prenota ora una consulenza gratuita insieme ad un loro esperto.

Contatta Ora FineArtX

intesa sanpaolo raccomandazioni 06-02-2023 — 03:45

Intesa, raccomandazioni aggiornate dopo i conti 2022

Carrellata di nuovi giudizi e target price in scia a risultati e dividendo giudicati migliori delle attese

continua la lettura