Dom 26 Settembre 2021 — 01:50

Borsa: ecco gli asset dove investire nel post Covid secondo gli esperti



Il dibattito sulla prosecuzione del movimento in corso rimane molto acceso, l’unico punto su cui c’è convergenza è il fatto che solo con un’appropriata selezione degli asset, si possa continuare a investire con profitto

borsa azioni

Non si ferma la corsa dei mercati: dopo una breve pausa di riflessione a cavallo tra primo e secondo trimestre, gli indici hanno ripreso la marcia, registrando nuovi massimi di periodo – in alcuni casi record assoluti – e confermando ciò che per molti analisti era l’idea di fondo, e cioè che la struttura laterale, in cui si erano adagiate le borse, era una fase di riaccumulo propedeutica a nuovi trendup.

Tuttavia il dibattito sulla prosecuzione del movimento in corso rimane molto acceso, l’unico punto su cui c’è convergenza è il fatto che solo con un’appropriata selezione degli asset, si possa continuare a investire con profitto nel Post Covid. Naturalmente, per supportare gli investitori in tale processo di valutazione, sono disponibili diverse guide consultabili sul web. Fra queste, emerge il tutorial del sito di finanza Investireinborsa.me, in cui esperti del settore analizzano i temi caldi del mercato e aiutano a capire dove investire in Borsa online, alla luce dell’attuale congiuntura.

Investire in borsa: asset e strategie

Fra gli asset attualmente negoziati con maggior frequenza dai trader, vi sono le coppie di valute sul forex e le criptovalute. Questo perché, tanti risparmiatori, in un’epoca di bassi tassi di interesse, imputabili anche alle misure di alleggerimento monetario delle Banche Centrali, sono alla ricerca di investimenti alternativi; senza contare che, accedere agli exchange che regolano tale operatività è relativamente semplice e a buon mercato.

Tuttavia, le caratteristiche di questi sottostanti sono così diametralmente opposte che, se la bassa volatilità tipica del forex – almeno sulle major –  rende l’asset idoneo sia in un contesto di allocazione di portafoglio sia come oggetto di attività di trading, le forti escursioni di prezzo che caratterizzano le criptocurrencies, vengono, nella maggior parte dei casi, sfruttati in approcci altamente speculativi.

 Azioni e indici: diversificare con ETF e CFD

Le azioni rappresentano un titolo di credito nominativo indicante quanto un investitore sia disposto a partecipare al capitale di rischio una società. Partendo dal presupposto che, per essere negoziate, è necessario avere una profilazione adeguata, qualora non si disponesse di un capitale abbastanza elevato, per effettuare una corretta diversificazione, potrebbero causare eccessiva concentrazione anche in un portafoglio da cassettista costruito in modo equilibrato.
Proprio per questo, si può utilizzare un indice, che già di per sé rappresenta la diversificazione di un settore o di un’area geografica. In questo modo, si può accedere anche a mercati difficilmente raggiungibili attraverso l’utilizzo di singoli titoli azionari, sia per costi di negoziazione, sia per la liquidità del sottostante (basti pensare ad esempio a un titolo di un paese emergente).

Naturalmente, approcci operativi differenti richiedono altrettanti strumenti finanziari, quindi, per allocare un portafoglio, potrebbe essere più indicato utilizzare gli ETF, fondi passivi che replicano un benchmark e che hanno costi di gestione estremamente contenuti. Di contro, un modus operandi speculativo è sicuramente più facilmente implementabile sfruttando i CFD, una tipologia di derivati che svolge, a grandi linee, lo stesso compito di un ETF, ma con spread più bassi e commissioni di negoziazione nulle, più adatti quindi al trading online.

Lo stesso discorso vale per le materie prime: in un’ottica buy and hold è più conveniente sfruttare i fondi passivi che investono in società operanti nel settore della commodity (esistono anche gli ETC, ma hanno un differente trattamento fiscale), mentre, per negoziare la materia prima con un approccio più dinamico, senza ricorrere ai più onerosi futures, si possono utilizzare i CFD su questa tipologia di sottostante.

Inoltre, alcuni intermediari danno accesso a particolari funzionalità che permettono di costruire le strategie, con cui vengono allocati gli strumenti finanziari appena descritti. A tal proposito, il tutorial di Investireinborsa.me analizza tutte le peculiarità dei broker che offrono ai loro clienti tali supporti operativi, con una recensione, sui principali servizi, che può aiutare a scegliere l’intermediario più vantaggioso.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura